Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Sentenza Tagliavia, per la Corte d’appello ''trattativa comprovata''

Sentenza Tagliavia, per la Corte d’appello ''trattativa comprovata''

strage georgofili big2di Miriam Cuccu e Francesca Mondin
Depositate a Firenze, la settimana scorsa, le motivazioni dei giudici

Trattativa ci fu, altro che presunta. E’ questo il dato che emerge anche da alcuni stralci delle motivazioni della sentenza a carico del boss Francesco Tagliavia, depositate lo scorso 20 maggio dalla seconda Corte d’Assise di Appello di Firenze, presieduta dal giudice Luciana Cicerchia.
Un "primo grande passo verso la verità completa", scrive Giovanna Maggiani Chelli, presidente dell'Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili. "Oggi sappiamo perché sono morti i nostri figli: - dice, in occasione del 24° anniversario della bomba esplosa a Firenze - in nome e per conto di una trattativa perché la mafia voleva abolito il 41 bis".
Già in primo grado i giudici della Corte d’assise di Firenze avevano messo nero su bianco che la trattativa “indubbiamente ci fu e venne quantomeno inizialmente impostata su un do ut des” e addirittura scrissero che “l’iniziativa fu assunta da rappresentanti dello Stato e non dagli uomini di mafia”. Ora, piaccia o no ai tanti detrattori che dopo la sentenza di assoluzione in appello dei due ufficiali dell’Arma Mario Mori e Mauro Obinu si sono cimentati nel demolire il processo in corso a Palermo, c’è una corte che certifica la necessità di investigare ed approfondire gli aspetti emersi su quel dialogo tra mafia ed istituzioni.
"Complessa e non definitiva", si legge nelle motivazioni, è la conclusione "alla quale si può pervenire nei limiti del presente processo" sull'individuazione "dei termini e dello stato raggiunto dalla c.d trattativa, la cui esistenza, comprovata dall’avvio poi interrotto di iniziali contatti emersi tra rappresentanti politici locali e delle istituzioni e vertici mafiosi, è però logicamente postulata dalla stessa prosecuzione della strategia stragista: il ricatto - spiegano i giudici - non avrebbe difatti senso alcuno se non fosse scaturita la percezione e la riconoscibilità degli obbiettivi verso la presunta controparte". Ovvero, precisano, "la pressione e le retrostanti pretese" dovevano essere "chiaramente comprese dagli interlocutori".
"Si può dunque considerare provato - si legge ancora - che dopo la prima fase della c.d. trattativa, avviata dopo la strage di Capaci, peraltro su iniziativa esplorativa di provenienza istituzionale (cap. De Donno e successivamente Mori e Ciancimino), arenatasi dopo l’attentato di via D’Amelio, la strategia stragista proseguì alimentata dalla convinzione che lo Stato avrebbe compreso la natura dell’obbiettivo del ricatto proprio perché vi era stata quella interruzione". "D’altra parte - proseguono i giudici - l’oggettivo ammorbidimento della strategia di contrasto alla mafia" consistente nel mancato rinnovo di oltre trecento provvedimento di 41 bis "ben poteva ingenerare la convinzione della cedevolezza della istituzioni, anche perché nel frattempo si avvicendavano sulla scena politica nuovi interlocutori oggetto di interesse da parte dell’apparato mafioso i cui referenti furono individuati in Vittorio Mangano e Marcello Dell’Utri", ricordando come "la lunga preesistenza di rapporti ritenuti causalmente agevolativi della compagine associativa mafiosa" dell'ex senatore di Forza Italia "è stata recentemente acclarata  dalla sentenza della Corte di Cassazione  del 9 maggio 2014" che ha condannato Dell'Utri per concorso esterno in associazione mafiosa.
Nelle motivazioni si evidenzia ad ogni modo che l'argomento trattativa resta tutt'altro che esaurito, evidenziando la consapevolezza "della necessità di ulteriori esplorazioni investigative" data la "viscosità" del tema. E' comunque innegabile che la strategia stragista, si legge nel documento, "abbia rappresentato un salto di qualità strategico". E lo scopo è stato individuato "nell'eliminazione dell'art. 41 bis" che "oltre a rendere più penosa la permanenza del boss in ambito carcerario, avrebbe soprattutto scardinato il sistema comunicativo fino ad allora vigente". Tale "finalità ricattatoria", si apprende ancora, "è stata poi riversata da collaboratori anche nel corso del presente processo, Di Filippo Pasquale, Ciaramitaro Giovanni, Cannella Tullio, Pietro Romeo e Giovanni Brusca. Ed infine a Gaspare Spatuzza" insieme all'acquisizione "dell'interesse e della vicinanza manifestati dai vertici mafiosi e profusi in raccomandazioni di voto, sul partito Forza Italia".
tagliavia francescoAll'interno della cornice rappresentata si inseriscono le numerose dichiarazioni di Spatuzza, che in questo procedimento "ha fornito apporti del tutto inediti che, opportunamente riscontrati, hanno permesso di pervenire alla chiarificazione di alcune zone d'ombra residuate nella fase della ricostruzione delle stragi". Viene richiamato, a questo proposito, l'episodio descritto da Spatuzza sull'ormai famoso incontro al bar Doney a Roma con Giuseppe Graviano, quando il boss di Brancaccio fece i nomi di Berlusconi e Dell’Utri dicendo che “grazie a loro c’eravamo messi il Paese nelle mani”. "Giuseppe Graviano mi dice - sono le parole di Spatuzza - che l'attentato contro i carabinieri (allo Stadio Olimpico di Roma, poi fallito, ndr) si deve fare perché con questo gli dobbiamo dare il colpo di grazia". "Spatuzza - scrivono i giudici - spiegava poi cosa fosse il 'colpo di grazia' rilevando che non si trattava di trattativa ma 'siamo sempre lì', cioé 'c'è una cosa in piedi e ne avremo dei benefici'", ribadendo poi il pentito di aver appreso che "ci sono questi due nomi che mi sono stati riferiti di Berlusconi e Dell'Utri; quindi a questo punto sono loro gli interlocutori" oltre al fatto che Graviano gli disse che "l'attentato doveva servire a 'dare una mossa' e chi doveva capire avrebbe capito". Una scelta, quella di colpire l'Arma dei Carabinieri, sostengono i giudici, che "avrebbe dovuto essere eloquente per i destinatari del messaggio, visto che proprio alcuni suoi rappresentanti si erano infruttuosamente esposti sul fronte delle iniziali trattative, avviate da De Donno e Mori". Proprio i due ufficiali del Ros, interrogati nel 1997 a Firenze per le stragi del '93, avevano parlato di una trattativa avviata con Vito Ciancimino, personaggio vicinissimo ai corleonesi di Totò Riina e, soprattutto, di Bernardo Provenzano. In quell'occasione avevano ribadito che l'iniziativa di contattare Ciancimino l'avevano presa da soli, sull'onda della preoccupazione che esisteva nel paese per le stragi di Capaci e via d'Amelio, anche se a Ciancimino fecero capire di avere qualche altra autorità alle spalle. "Ritenni un mio dovere morale oltrechè professionale fare qualcosa di più e di diverso'', aveva detto Mori. De Donno aveva dichiarato poi che, durante i colloqui con Vito Ciancimino, ''gli proponemmo di farsi tramite con Cosa nostra, al fine di trovare un punto d'incontro finalizzato alla cessazione dell'attività stragista nei confronti dello Stato'', e che in quella ''trattativa'', i ''carabinieri rappresentavano lo Stato''. Ora entrambi, con l'altro ex ufficiale Antonio Subranni, sono imputati al processo di Palermo sulla trattativa Stato-mafia, accusati di minacce e violenza a corpo politico dello Stato. Insieme non solo a mafiosi, ma anche ad ex politici, l'ex ministro Nicola Mancino e Marcello Dell’Utri. Evidentemente, a trattare "per conto dello Stato" non è detto che ci fossero solo i Carabinieri.

In foto: la strage di via dei Georgofili e Francesco Tagliavia

ARTICOLI CORRELATI

Georgofili, 23 anni fa la strage che fece tremare Firenze

Strage di via dei Georgofili, ergastolo per Francesco Tagliavia

Stato-mafia, pm Ardita: gravi anomalie nella revoca dei 41bis

Una nota dello Sco rivela: Le bombe erano per la trattativa. L'Antimafia lo sapeva gia' dal 1993

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa