Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Vincenzo Agostino ha riconosciuto Aiello come ''faccia da mostro''

Vincenzo Agostino ha riconosciuto Aiello come ''faccia da mostro''

aiello giovanni rep palermoFotogallery all'interno!
di Giorgio Bongiovanni e Aaron Pettinari

Durante l'incidente probatorio è stato anche colto da un malore

“E' quello 'faccia da mostro', l'uomo che cercava mio figlio”. Vincenzo Agostino, padre dell'agente Nino Agostino, ucciso 27 anni fa assieme alla moglie incinta, ha riconosciuto Giovanni Aiello, l'ex poliziotto della squadra mobile di Palermo accusato di essere un sicario al servizio delle cosche, come “l'uomo con la faccia butterata” che sarebbe andato a cercare il figlio pochi giorni prima che venisse ucciso il 5 agosto dell'89. Durante l'incidente probatorio Agostino ha anche accusato un malore e un'ambulanza è accorsa all'aula bunker per prestare soccorso.
Nel frattempo all'esterno dell'Ucciardone prosegue il sit-in in sostegno della famiglia Agostino. L'udienza è iniziata attorno alle 9,30 e poco prima delle 12 si è compiuto il confronto all'americana disposto dal gip Maria Pino, su richiesta dei pm Nino Di Matteo, Francesco Del Bene e Roberto Tartaglia. Accanto ad Aiello, che ha sempre negato ogni suo coinvolgimento con Cosa nostra, erano schierate alcune comparse truccate per sembrare simili a lui.
Di un “uomo con la faccia deturpata” hanno parlato diversi collaboratori di giustizia, descrivendolo proprio come un “sicario a disposizione della mafia”. Tra questi anche il pentito Vito Lo Forte e Vito Galatolo, già ascoltati nei mesi scorsi nell'ambito delle indagini.

In foto: Giovanni Aiello (© Repubblica-Palermo - Michele Naccari)

ARTICOLI CORRELATI

Omicidio Agostino: quel passo così atteso verso la verità

''Così ho riconosciuto 'faccia da mostro'''

Vincenzo Agostino: ''Cercherò di dare risposte ad un bimbo mai nato''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa