Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano ''Grazie per la vostra ansia di Giustizia''

''Grazie per la vostra ansia di Giustizia''

di matteo change c gianniniLa lettera del pm alla manifestazione a Roma per #rompereilsilenzio
di Nino Di Matteo
Oggi tanti Italiani, provenienti da ogni parte del Paese, hanno scritto una bella pagina di libertà, partecipazione democratica, impegno civile, passione per la Giustizia e la Verità.

Sento fortissimo il bisogno ed il piacere liberatorio di esprimere a ciascuno di voi la mia profonda e sincera gratitudine. Ai promotori di questa iniziativa (le Agende Rosse e Scorta Civica) come a tutte le donne e a tutti agli uomini che, anche con notevole sacrificio personale, sono oggi accorsi a Roma. Vi ringrazio da uomo e da cittadino, prima ancora che da magistrato e servitore dello Stato.

In un paese dove l’apatia e l’indifferenza si diffondono sempre più pericolosamente nel tessuto sociale, voi oggi rappresentate la reazione di chi non vuole rassegnarsi, di chi pretende ancora di conoscere, di capire, di vivere e poter scegliere da cittadino informato e consapevole e non da suddito sciocco e facile strumento di volontà altrui.

Quella vostra di oggi non è semplicemente una testimonianza di solidarietà nei confronti di un magistrato in un momento di sua oggettiva difficoltà.
E’ qualcosa di enormemente più grande ed importante.

E’ una testimonianza della precisa consapevolezza che la lotta alla mafia, alla penetrazione e diffusione di  metodi mafiosi nell’esercizio del potere, è  la prima vera questione fondamentale, irrinunciabile,  pregiudiziale ad ogni altra, per la tenuta della nostra democrazia.

E’ una testimonianza della sacrosanta pretesa di una Giustizia che sia veramente uguale per tutti. In un contesto politico generale che spinge pericolosamente  verso il ridimensionamento del potere di controllo della legalità della magistratura , voi incarnate ciò che ogni cittadino, che abbia a cuore l’attuazione concreta dei principi della Costituzione, deve pretendere da ogni magistrato della Repubblica: autonomia, indipendenza reale da ogni altro potere, sacrificio, coraggio, consapevolezza dell’assunzione di un ruolo di effettivo servizio per la collettività, certamente incompatibile con ogni forma di collateralismo al potere e con ogni tentazione di valutare la opportunità politica  delle proprie iniziative piuttosto che semplicemente la loro doverosità giuridica.

La manifestazione di oggi è indicativa di una consapevolezza che si va diffondendo nonostante la grave ,imperdonabile, indifferenza di gran parte della politica: la lotta alla mafia non può limitarsi alla, pur necessaria, repressione dell’ala militare delle organizzazioni mafiose; deve operare un salto di qualità che porti a definitivamente recidere i rapporti della mafia con la politica, il potere imprenditoriale e finanziario, i pezzi deviati e devianti delle Istituzioni. Oggi è necessario ed urgente un cambio di marcia in questa direzione. E’ fondamentale capire che lotta alla mafia e lotta alla corruzione devono marciare di pari passo, perché mafia e corruzione costituiscono sempre più due facce della stessa medaglia, di un sistema criminale integrato che mortifica quotidianamente i diritti, le aspettative, i sogni degli onesti.

C’è un aspetto ulteriore, ed ancora più importante, che rende ancora più bella ed entusiasmante la vostra testimonianza.
Oggi ai tanti (ai troppi) che vorrebbero definitivamente chiudere (come fantasmi di un passato ormai lontano) la pagina, oscura e tremenda, delle stragi, e dei tanti delitti eccellenti che hanno insanguinato e condizionato la storia recente della nostra Repubblica, voi state gridando in faccia una pretesa sacrosanta: le indagini e gli approfondimenti giudiziari su quelle stragi, sul contesto politico-mafioso-istituzionale nell’ambito del quale sono maturate, devono continuare, riprendere lena e vigore con uno sforzo finalmente serio  di tutte le Istituzioni.
Perché è questo il percorso indicato dalle inchieste e dai processi già celebrati, perché è questo l’unico, l’autentico modo per onorare la memoria dei nostri morti. Perché è questa la strada maestra per capire appieno il presente e creare le condizioni perché in futuro non possa più accadere ciò che è avvenuto nel nostro Paese.
Questo sforzo di approfondimento non può essere delegato, come avviene in questo momento, a pochi, pochissimi, magistrati ed investigatori, continuamente e pervicacemente isolati, delegittimati, ostacolati con ogni mezzo, in un cammino disseminato di insidie e trappole di ogni tipo.

Voi state testimoniando una sacrosanta ansia di Giustizia che dovrebbe finalmente spingere tutte le Istituzioni, a partire da quelle politiche, ad un impegno corale ed effettivo per la ricostruzione di verità  che non possono rimanere parziali ed incerte.
Senza Verità e Giustizia sui fatti che hanno sconvolto la storia della nostra Repubblica non ci può essere vera democrazia.
Un Paese senza memoria è destinato a non avere futuro.

Vi ringrazio ancora con tutta la forza del sentimento che mi avete suscitato.
La vostra attenzione, la vostra tensione morale e civile, mi conforta, costituisce per me uno stimolo forte, decisivo, ad andare avanti nel lavoro, nonostante tutto e nonostante le difficoltà e gli ostacoli sempre più alti.

Dobbiamo tutti, ciascuno nel suo ruolo e con le proprie capacità, trovare sempre la forza di combattere per la verità. Anche quando ciò ci esporrà a pagare un prezzo molto alto.
Le singole battaglie potranno anche perdersi, dobbiamo imparare a mettere in conto le sconfitte e le battute d’arresto; ciò che conta è proseguire nel percorso di ricerca della Verità, l’unica strada, diretta, semplice e perciò rivoluzionaria, che può finalmente portarci a vincere la guerra. Una guerra di resistenza e liberazione contro un sistema ed un metodo mafioso che dobbiamo necessariamente debellare se vogliamo assicurare ai nostri figli un futuro di dignità, libertà e democrazia.

Vi abbraccio con sincera riconoscenza
Nino Di Matteo

Foto © Castolo Giannini

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...


LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...

UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...


ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...

GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa