Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Processo Mannino, udienza rinviata. La sentenza slitta al 4 novembre

Processo Mannino, udienza rinviata. La sentenza slitta al 4 novembre

mannino proc pool 20150930di Lorenzo Baldo ed Aaron Pettinari
Dura appena pochi minuti il processo in abbreviato sulla trattativa Stato-mafia che vede imputato l’ex ministro Calogero Mannino per il reato disciplinato dagli articoli 338 e 339 del codice penale, ovvero violenza o minaccia ad un corpo politico dello Stato. La sentenza probabilmente slitterà al prossimo 4 novembre. Così ha deciso il Gup Marina Petruzzella in un’udienza lampo. L’ex Dc era presente in aula, accompagnato dagli avocati Grazia Volo, Nino Caleca e Marcello Montalbano, così come i quattro pm Vittorio Teresi, Antonino Di Matteo, Roberto Tartaglia e Francesco Del Bene. Il Gup Marina Petruzzella si è solamente espressa sulle richieste di acquisizione di nuovi atti effettuati all’ultima udienza sia dall’accusa che dalla difesa. In particolare ha accolto la richiesta dei pm di acquisizione della sentenza Scalone, necessaria per la ricostruzione delle vicende sulla Falange Armata, poi ancora atti relativi al Corvo 2 e sulle modalità di svolgimento di indagine sul rapporto mafia-appalti. Lo stesso è stata acquisita, con l’accordo delle parti, la nota della Dia del 4 marzo 1994 a firma Micalizio con riferimento sempre alla Falange Armata. Per quanto riguarda i difensori è stata accolta solo in parte la richiesta di acquisizione di atti escludendo quelle parti che erano state utilizzate dall’imputato a sostegno delle dichiarazioni spontanee. Tra i presenti in aula anche il segretario generale del sindacato di Polizia Coisp Franco Maccari. Prima che il Gup rinviasse l’udienza al 4 novembre il pm Vittorio Teresi ha preso la parola anticipando che da parte dell’accusa non vi saranno variazioni nelle conclusioni rispetto a quanto già discusso in precedenza. “Mannino - aveva concluso lo stesso Teresi all’udienza dell’11 dicembre 2014 - si inserisce come ispiratore di atteggiamento nella violenza e minaccia di Cosa nostra per deviare le attività nei pubblici poteri. Riteniamo di aver provato con la lettura di atti complessi di questo processo e sono certo che non ci sono dubbi sulla piena e comprovata colpevolezza dell'imputato per cui chiediamo che venga affermata una condanna di anni 13 e mesi 6 di reclusione che ridotta diventa anni 9 di reclusione e pene accessorie previste dalla legge”.
mannino proc 20150930Secondo i pm, "non vi sono dubbi sulla comprovata responsabilità dell'imputato": Mannino sarebbe "istigatore e ispiratore principale del contatto tra Mori, De Donno, e Cosa nostra perchè si riuscisse a evitare in qualche modo che la mafia lo ammazzasse". Ma evitare l'omicidio di Mannino, che temeva di essere ammazzato come Salvo Lima per non aver tenuto fede all'impegno di garantire i boss nel maxiprocesso, "non è l'unico fine della trattativa, sarebbe riduttivo, ma è certamente l'unico fine di Mannino", ha sostenuto il Pm, secondo cui l'ex ministro "rafforza con questo la determinazione di Mori, De Donno e Subranni a parlare con Riina".

ARTICOLI CORRELATI

Processo trattativa Stato-mafia, per Mannino il giorno più lungo

Processo Trattativa, Teresi: “Per Mannino chiediamo condanna a 9 anni di reclusione”

Processo trattativa, a Mannino le parti civili chiedono risarcimenti milionari

Trattativa Stato-mafia: autodifesa di Mannino (primo round)

Trattativa Stato-mafia: autodifesa di Mannino (parte seconda)

Processo trattativa, l'autodifesa scontata di Mannino

Mannino e il suo rapporto con il giudice Borsellino: la replica di Salvatore Borsellino

Trattativa: atto finale della requisitoria del pm

Le recensioni di AntimafiaDuemila

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...

ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...


GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...

VITTORIO ARRIGONI

VITTORIO ARRIGONI

by Anna Maria Selini

Nei campi con i contadini e in mare...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa