Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Vincenzo Agostino: "il prezzo della ragione di Stato"

Vincenzo Agostino: "il prezzo della ragione di Stato"

agostino-vincenzo-ytdi Lorenzo Baldo - 21 marzo 2015
Alla giornata della Memoria di Libera il grido del padre dell’agente Nino Agostino
Dal palco di Bologna don Ciotti grida che il nostro è un Paese “di stragi in gran parte impunite” e che ci sono ancora “troppe ombre, troppe zone oscure, trattative inconfessabili”. Il fondatore di Libera ricorda con forza le parole pronunciate ieri sera da Vincenzo Agostino, padre dell’agente Nino Agostino, ucciso il 5 agosto 1989 assieme a sua moglie Ida Castelluccio, incinta di pochi mesi: “il prezzo della ragione di Stato non può essere il nostro bisogno di verità e di giustizia. Ci deve essere la verità!”. Vincenzo è molto provato nel fisico, sua moglie Augusta è sempre al suo fianco. Ma ci sono anche i suoi figli e i suoi nipoti a dargli forza. La sua è una corsa contro il tempo per avere verità e giustizia. “Tutti noi familiari delle vittime di mafia non vogliamo più pacche sulle spalle da chi ci governa – afferma con determinazione il padre di Nino Agostino –. Vogliamo risposte, vogliamo fatti concreti, non vogliamo più promesse non mantenute. Io esigo verità e giustizia! Non ne posso più di tutti questi politici corrotti, devono andarsene a casa! Il presente e il futuro della gioventù deve essere libero, non deve essere più condizionato da questi malviventi! A mio avviso dopo due legislature ogni parlamentare dovrebbe tornare a fare quello che faceva prima”. “So benissimo che ci sono persone in vita che sanno dell’omicidio di mio figlio e di mia nuora ma non vogliono parlare – afferma con profonda convinzione –. Ma perché questi individui non si fanno un esame di coscienza? Ma forse non ce l’hanno e continuano a dire di non sapere nulla. E comunque io gli chiedo ugualmente di dire la verità perché altrimenti saranno sempre incatenati l’uno con l’altro. Vorrei tanto che, una volta individuati questi personaggi, ci fosse una legge che togliesse loro ogni proprietà…”. Per Agostino la parola Stato “deve significare espressamente verità e giustizia”. “Per quale motivo quelle che don Ciotti ha definito ‘trattative inconfessabili’ devono durare tutti questi anni nel nome di una ‘ragione di Stato’? Io non l’accetto! Io voglio i nomi e i cognomi di chi ha fatto questa trattativa! Non accetto che Nicola Mancino dica di non ricordare di aver incontrato Paolo Borsellino il giorno del suo insediamento al Ministero dell’Interno! Ma a chi lo vuol far credere? Qui tutti fanno finta di non ricordare!”.

Vincenzo Agostino si ferma un attimo, prende fiato: “per rendere giustizia a Nino e a Ida bisogna che parlino coloro che sanno, che si ricordino di quello che aveva lasciato scritto mio figlio, devono venire fuori le ‘mele marce’ che c’erano in quegli anni. Ma la ricerca della verità non vale solo per me. Oggi qui siamo più di mille familiari di tutte le vittime, con tante storie, ognuna diversa dalle altre, il 90% di queste persone non sa la verità sulla morte dei propri cari. Questo non è uno Stato degno di questo nome! Siamo al livello dei desaparecidos sudamericani dove i colpevoli restano tutti impuniti”. “Sono d’accordo con don Ciotti che bisogna stare vicino al pm Nino Di Matteo, che è il più esposto di tutti, e a quei magistrati che continuano a cercare la verità – aggiunge con forza –. Non voglio più funerali! Non voglio altri cortei o fiaccolate! Non dobbiamo  permettere più che questo accada! Vogliamo uno Stato ‘giusto’ e non uno Stato ‘ad personam’. Vogliamo che la legge sia davvero uguale per tutti”. Proprio questa mattina Margherita Asta, figlia di Barbara Rizzo Asta e sorella di Salvatore e Giuseppe, unica sopravvissuta alla strage di Pizzolungo, ha chiesto che, i familiari delle vittime di mafia in primis, siano aiutati nella ricerca della verità facendo in modo che sia consentito loro l’accesso a tutte le fonti attraverso una vera propria desecretazione degli atti finora occultati. “Sono completamente d’accordo con Margherita – afferma Vincenzo Agostino –. Tutti noi dobbiamo poter aver accesso agli atti, anche a quelli più delicati, che possono contribuire al raggiungimento della verità. Mi domando, però, perché su tanti di quegli atti non è stato possibile accedere in questi anni: penso alla strage di Ustica, all’omicidio di Pietro Scaglione e a tanti altri omicidi e stragi. Ma chi è stato a uccidere Scaglione, la mafia?! E a Falcone e a Borsellino chi li ha uccisi, la mafia?! E potrei continuare chiedendo chi ha ucciso i giudici Costa e Chinnici… ma la domanda è un’altra: chi è la mafia? Cos’è la mafia? A partire da Portella della Ginestra si è sempre data la colpa alla mafia per determinati omicidi e stragi… ma chi sono questi mafiosi? E chi sono questi uomini che hanno trattato con questa mafia? Ormai questo è uno Stato-mafia e se non fosse stato per il figlio di Vito Ciancimino non saremmo nemmeno arrivati ad un processo sulla trattativa…”. Riflettendo sulla possibilità che dallo Stato possa finalmente giungere tutta la verità Vincenzo Agostino si dice “confuso”. “Non so quali nemici si nascondono dentro lo Stato e impediscono di far emergere la verità… 26 anni fa mi dissero che per avere le risposte sull’omicidio di mio figlio e di mia nuora dovevo guardare all’interno… all’interno delle istituzioni, intendo dire… ed oggi ne sono ancora più convinto”.

ARTICOLI CORRELATI

Don Ciotti: "Per Libera e tutti noi è tempo di voltare pagina"

Omicidio Agostino: ancora misteri e depistaggi

Nino e Ida Agostino: inno alla vita

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa