Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Primo Piano Armi ed esplosivo a Palermo: allarme per i magistrati

Armi ed esplosivo a Palermo: allarme per i magistrati

tribunale-palermo-mano-letteraLa denuncia di una lettera anonima, ricerche in corso
di AMDuemila - 25 febbraio 2015
Ancora allarmi alla Procura di Palermo. Una lettera anonima annuncerebbe che nei luoghi solitamente frequentati da alcuni magistrati ci sarebbero armi ed esplosivo. La segnalazione è stata al centro del comitato provinciale per l'ordine a la sicurezza pubblica di ieri. Subito sono scattate le ricerche.
Le rivelazioni dell'anonimo sarebbero state in un certo modo avallate dalle dichiarazioni di un confidente degli investigatori, i quali hanno attivato le ricerche nei luoghi da lui indicati. La lettera non farebbe riferimento a magistrati in particolare, ma l'attenzione degli inquirenti sarebbe rivolta al pm Nino Di Matteo, titolare del processo trattativa Stato-mafia insieme ai colleghi Teresi, Del Bene e Tartaglia e da mesi vittima di minacce mafiose. Dopo le intercettazioni delle conversazioni di Totò Riina in carcere (“Gli farei fare la fine del tonno”) il piano di morte nei confronti del pm svelato dal pentito dell’Acquasanta Vito Galatolo, che aveva indicato alcuni posti dove sarebbe stato nascosto l’esplosivo per colpire il magistrato. Esplosivo che, però, nonostante le ricerche non è stato ancora individuato.

La vicenda è stata comunicata anche al procuratore generale Roberto Scarpinato, responsabile della sicurezza del palazzo di giustizia, che nella giornata di ieri ha incontrato Di Matteo.

ARTICOLI CORRELATI

Escalation di intimidazioni: a Palermo lo stato d’allerta è persistente

Attentato contro Di Matteo, il pentito D'Amico: "In carcere i boss ne parlavano"

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa