Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Azione Civile Azione Civile: 41bis e infiltrazioni nella societa', inaccettabile cedere di fronte alle mafie

Opinioni

Azione Civile: 41bis e infiltrazioni nella societa', inaccettabile cedere di fronte alle mafie

Le mafie sono una minaccia alla democrazia e stanno già sfruttando l’emergenza

Non possiamo tacere di fronte al rischio che le mafie, come in ogni emergenza dal post terremoto in Irpinia ai rifiuti fino ai terremoti, stanno lucrando e approfittando anche in questo drammatico momento come avvoltoi e forti di capacità finanziarie immense e di una già consolidata trama di infiltrazioni nell’economia legale e nelle istituzioni. In alcune regioni già stanno allestendo una sorta di indegno e vergognoso welfare criminale proponendosi come fornitori di beni essenziali e finanziamenti a chi ne ha bisogno. Così stanno costruendo nuovo consenso pronte ad arruolare nuove leve per i propri traffici, riciclare nell’usura e nell’infiltrazione nei settori economici legali al collasso. Esprimiamo la nostra solidarietà e il nostro sostegno ai magistrati Nicola Gratteri e Catello Maresca, da tanti anni impegnati in prima linea contro camorra e ‘ndrangheta, e oggetto in queste settimane di insulti e auguri di morte – come ha reso noto il giornale online Wordnews.it nei giorni scorsi e poi molte altre testate - su face book. Insieme a Caselli, Di Matteo, Ardita ed altri da settimane stanno cercando di accendere i riflettori su quanto sta accadendo, ricordando la vera natura delle mafie nella società italiana ed europea, del loro essere classe imprenditoriale in combutta con pezzi infedeli dello stato, massonerie e politici conniventi dei segnali inquietanti che giungono dalle rivolte in alcune carceri. Le carceri vivono un’emergenza terribile perenne, frutto del disinteresse e di una pessima gestione da parte della politica. Ma la soluzione non può essere il liberi tutti, amnistia o indulto anche per mafiosi al 41bis. Le scarcerazioni di questi giorni, le concessioni come le videochiamate (attualmente non intercettabili), sono un cedimento inaccettabile e pericoloso. Davanti alle mafie lo Stato faccia lo Stato, facendo quel dovere che troppo spesso nella storia repubblicana già alcuni suoi apparati non ha svolto. E’ assurdo scarcerare boss mafiosi mentre restano in carcere tanti in attesa di giudizio per reati molto meno gravi.

Le mafie sono una minaccia alla democrazia e alla libertà, già troppo hanno condizionato e messo in pericolo la repubblica italiana nelle trame che da decenni si proseguono. Trame nelle quali hanno approfittato delle debolezze e dei momenti difficili portando all’emersione di spinte eversive, anti-democratiche, violente con servizi segreti deviati italiani e non solo, apparati politici, imprenditori e massoneria. E in queste settimane queste spinte mai sopite stanno riemergendo come dimostra l’assalto ai supermercati a Palermo, dietro cui aleggia l’ombra di personaggi vicini alle mafie e che è stato ricostruito è partito da un gruppo facebook di un’agenzia di servizi di sicurezza dal sapore quasi para-militare.

L’Italia è arrivata a quest’emergenza in un quadro di arretratezza culturale e politica e sempre più scarsa memoria sul fronte della lotta alle mafie. Un Paese che sta dimenticando sempre più la lezione dei suoi uomini e donne migliori, che hanno dato la vita per la giustizia e la libertà dalle mafie, perseguita i magistrati in prima linea con campagne di fango e delegittimazione che hanno avuto nel mirino i magistrati di Palermo che hanno indagato, portato in un processo con condanne inequivocabili in primo grado i responsabili della trattativa Stato-mafia di inizi anni novanta, o Gratteri per le sue inchieste su masso mafie e politica, che abbandona i testimoni di giustizia e chi denuncia e combatte quotidianamente le organizzazioni criminali. Tanti sono senza alcuna protezione da parte dello Stato, da diversi testimoni ad Antonio Ingroia. E rimane silente, omertosa e complice davanti alle zone grigie, alle squallide consorterie, alla dilagante corruzione e all’avanzare di affari sempre più sporchi. Mentre avanzano campagne finto garantiste che stravolgono la verità, ultima quella su Contrada ma in passato l’abbiamo visto per Dell’Utri e altri, che non tutelano nessun diritto costituzionale ma costruiscono un clima sociale e culturale avverso alla lotta alle mafie. E che coinvolgono ormai ogni livello e settore economico e istituzionale. Sono vergogne assoluta, contro la Costituzione e ogni dignità politica. Dopo la pandemia questo Paese andrà ricostruito ma la ricetta non potrà essere, come pure dal centrodestra al PD qualcuno sta tentando di fare, cancellando importanti presidi normativi a tutela della legalità e del bene comune come le certificazioni antimafia, i vincoli ambientali e le leggi antimafia. La borghesia mafiosa non aspetta altro e chi non è inflessibile, chi continua ad essere prono a certi interessi, chi vuol cancellare la storia della lotta alle mafie, chi tace è complice. E non potrà mai veramente ricostruire questo Paese, come è necessario e vitale.

Azione Civile, movimento politico fondato e presieduto dall'ex pm e oggi avvocato antimafia Antonio Ingroia

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa