Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Un compagno

Opinioni

Un compagno

di Riccardo Orioles
Grande la vita difficile di Lillo Venezia

I Siciliani ricordano con affetto e orgoglio Lillo Venezia, uno dei primi redattori dei Siciliani di Giuseppe Fava. Subito dopo l’assassinio del direttore fu uno dei primissimi a dire che bisognava subito continuare. Oltre che nella redazione, in quegli anni durissimi fu impegnato anche nell’amministrazione del giornale, pagando personalmente coi suoi poveri beni i mancati impegni di illustri “sostenitori”. Da allora è sempre stato in tutte le iniziative sociali che si andavano sviluppando in Sicilia e altrove. Negli ultimi anni, gravemente malato, era sempre presente almeno nei social, con lucidità e determinazione.
Lillo Venezia è stato una delle figure più significative dei movimenti sociali e del giornalismo libero dal Sessantotto in poi. Con Mauro Rostagno e Peppino Impastato aveva fatto parte del gruppo di Lotta Continua, impegnato in Sicilia non solo nelle lotte operaie e studentesche ma anche in quelle contro i poteri mafiosi. Da giornalista aveva subito oltre cento denunce - fino al carcere - per i suoi articoli contro i potenti di allora; come direttore del Male aveva dato un impulso decisivo al giornalismo satirico e d’impegno sociale, pagandone puntualmente tutti i prezzi.
E’ morto povero, con una pensione sociale di quattrocento euro che negli ultimi tempi gli era stata anche tolta dalla burocrazia. Questa sua povertà testimonia più di ogni altra cosa lo spirito con cui il nostro Lillo ha lavorato e lottato per tutti questi cinquant’anni, senza mai chiedere carriere o onori, orgoglioso della sua semplice condizione di compagno e di cittadino.
In questi tempi di riflussi e di ritirate, Lillo Venezia ha mostrato a noi tutti, avversari e amici, il senso della parola “compagno”, profonda e antica, modesta e responsabile, per il bene di tutti. E con questa semplice parola noi lo onoriamo.

Tratto da: facebook.com/riccardo.orioles

Le recensioni di AntimafiaDuemila

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa