Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Se la mafia non l'ascolti, non la capisci

Opinioni

Se la mafia non l'ascolti, non la capisci

di Giuliano Lodato
"Ma Strasburgo cosa ne sa della mafia?[...] Come fa un soggetto del genere a rieducarsi? Uno che ha ammazzato Falcone, Borsellino, bambini, Firenze, Milano si è rieducato?”.
Le parole del pentito Pasquale Di Filippo si uniscono a quelle di Di Matteo, Caselli, Ardita, Gratteri ed altri. E allora perché, mi chiedo, in questo Paese non si inizia ad ascoltare chi le cose le sa e chi gli argomenti li conosce? Perché si da del visionario a uno e del fanfarone all'altro? Perché chi non sa, invece di parlare, non sta zitto, braccia conserte, ad ascoltare?
Possono sembrare affermazioni semplicistiche ai giuristi e agli studenti di giurisprudenza, me ne rendo conto. Ma la mafia è un'altra cosa. Non si studia nei libri. La mafia non si impara nei codici. La mafia si impara quando si ascoltano le intercettazioni. Quando si indaga. E come per incanto parole come rieducazione, redenzione e reinserimento del detenuto svaniscono, evaporano. E rimangono un miraggio.
Sì, perché pensare che gli stessi personaggi che hanno ingaggiato una guerra contro lo Stato a suon di esplosivi, magicamente, si redimano è, quantomeno, fantasioso.
Non impossibile, improbabile.
E non c'è bisogno di essere mafiologi, psicologi o, come qualcuno vorrebbe far credere, complottisti e sognatori.
Basta essere siciliani. E avere a cuore, almeno un po', chi ha perso la vita combattendo da una parte specifica della barricata: quella della legalità.

ARTICOLI CORRELATI

Ergastolo Ostativo. Il pentito Di Filippo: ''Ho paura. Se Bagarella esce mi verrà a cercare''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa