Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Opinioni

L’allergia alla Costituzione

di Beppe Giulietti
Gli squadristi non possono sopportare che esistano ancora donne e uomini che hanno nel cuore la Costituzione.
Diventano furie quando scoprono che non possono fare quello che vogliono e che cresce il fronte di chi ha deciso di contrastarli e di contestarli.
Così scatenano la macchina del fango contro le organizzazioni non governative, contro la guardia costiera, contro i sacerdoti che amano il Vangelo, contro i cronisti che non subiscono il fascino del felpa, contro intellettuali, scrittori, giornalisti che ancora osano fare domande e ribellarsi in nome dei diritti umani e civili.
“Perché non li portate a casa vostra, ululano coloro che, a casa loro, non hanno mai ospitato neppure un connazionale povero e disperato...”.
Strepitano contro gli ultimi della terra, ma tacciono sulle guerre, sullo sterminio da fame, sulla vendita delle ami, sul commercio degli “Scarti umani” che fanno le fortune dei Trump e dei Putin.
Chiudono le fontanelle ai migranti, ma non invocano “Tolleranza zero” di fronte al caporalato o alle morti sul lavoro, forse hanno paura di perdere i consensi di qualche padroncino “Bianco e razzista”.
Odiano anche Francesco perché odiano chiunque costruisca i ponti del dialogo, dell’inclusione, della solidarietà.
Allora giù botte fango contro i cosiddetti “Buonisti”, ancor più se si tratta di donne coraggiose, autorevoli e conosciute per il loro impegno civile da Michela Murgia a Luciana Litizzetto, da Fiorella Mannoia a Paola Turci, da Asmae Dachan a Federica Angeli.
Imparino a tacere, senza disturbare don Rodrigo e i suoi bravi, Chi prova a reagire viene insultato perché “Vogliono imbavagliarci” come strepitano i lupi travestiti da agnelli. Del resto sono gli eredi di quelli che “Matteotti se l’é andata a cercare..”.
Per questo bisogna reagire e non lasciare mai sole o soli i bersagli dei pestaggi mediatici, promossi e organizzati da vere e proprie centrali della provocazione.
L’articolo 21 della Costituzione non tutela il diritto alla diffamazione, all’ingiuria, al linciaggio.
Si tratta di reati e come tali vanno denunciati, perseguiti, sanzionati.
Spetta ciascuno di noi farlo e mettersi a disposizione di chi deciderà di reagire, sempre, comunque, dovunque.
Non sappiamo quando e quale governo si formerà, ma ci auguriamo che oltre al “Taglio” dei parlamentari voglia anche occuparsi di “Tagliare” le norme incostituzionali già approvate e di disarmare gli squadristi che, in questa stagione, hanno goduto di omissioni, compiacenze, opportunistiche vigliaccherie.

Tratto da: liberainformazione.org