Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società L’allergia alla Costituzione

Opinioni

L’allergia alla Costituzione

di Beppe Giulietti
Gli squadristi non possono sopportare che esistano ancora donne e uomini che hanno nel cuore la Costituzione.
Diventano furie quando scoprono che non possono fare quello che vogliono e che cresce il fronte di chi ha deciso di contrastarli e di contestarli.
Così scatenano la macchina del fango contro le organizzazioni non governative, contro la guardia costiera, contro i sacerdoti che amano il Vangelo, contro i cronisti che non subiscono il fascino del felpa, contro intellettuali, scrittori, giornalisti che ancora osano fare domande e ribellarsi in nome dei diritti umani e civili.
“Perché non li portate a casa vostra, ululano coloro che, a casa loro, non hanno mai ospitato neppure un connazionale povero e disperato...”.
Strepitano contro gli ultimi della terra, ma tacciono sulle guerre, sullo sterminio da fame, sulla vendita delle ami, sul commercio degli “Scarti umani” che fanno le fortune dei Trump e dei Putin.
Chiudono le fontanelle ai migranti, ma non invocano “Tolleranza zero” di fronte al caporalato o alle morti sul lavoro, forse hanno paura di perdere i consensi di qualche padroncino “Bianco e razzista”.
Odiano anche Francesco perché odiano chiunque costruisca i ponti del dialogo, dell’inclusione, della solidarietà.
Allora giù botte fango contro i cosiddetti “Buonisti”, ancor più se si tratta di donne coraggiose, autorevoli e conosciute per il loro impegno civile da Michela Murgia a Luciana Litizzetto, da Fiorella Mannoia a Paola Turci, da Asmae Dachan a Federica Angeli.
Imparino a tacere, senza disturbare don Rodrigo e i suoi bravi, Chi prova a reagire viene insultato perché “Vogliono imbavagliarci” come strepitano i lupi travestiti da agnelli. Del resto sono gli eredi di quelli che “Matteotti se l’é andata a cercare..”.
Per questo bisogna reagire e non lasciare mai sole o soli i bersagli dei pestaggi mediatici, promossi e organizzati da vere e proprie centrali della provocazione.
L’articolo 21 della Costituzione non tutela il diritto alla diffamazione, all’ingiuria, al linciaggio.
Si tratta di reati e come tali vanno denunciati, perseguiti, sanzionati.
Spetta ciascuno di noi farlo e mettersi a disposizione di chi deciderà di reagire, sempre, comunque, dovunque.
Non sappiamo quando e quale governo si formerà, ma ci auguriamo che oltre al “Taglio” dei parlamentari voglia anche occuparsi di “Tagliare” le norme incostituzionali già approvate e di disarmare gli squadristi che, in questa stagione, hanno goduto di omissioni, compiacenze, opportunistiche vigliaccherie.

Tratto da: liberainformazione.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFIA NIGERIANA

MAFIA NIGERIANA

by I.M.D.

Estorsioni, spaccio di droga, violenza e controllo totale...

UN GIORNO QUESTA TERRA SARA' BELLISSIMA

UN GIORNO QUESTA TERRA SARA' BELLISSIMA

by Silvia Camerino

"La promessa di essere umana e sognatrice, così...


IL SISTEMA MONTANTE

IL SISTEMA MONTANTE

by Salvatore Petrotto

Anno 2007, la mafia cambia pelle, indossa la...

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

by Maria Antonietta Calabrò , Giuseppe Fioroni

Tutto quello che la gente sa sul cosiddetto...


ARAFAT

ARAFAT

by Stefania Limiti

Il conflitto israelo-palestinese è stato esacerbato dalla ritrosia...

SAVE THE MAFIA CHILDREN

SAVE THE MAFIA CHILDREN

by Giuliana Adamo

I figli della ’Ndrangheta nascono per seguire le...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa