Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Carabiniere ucciso a Roma. Urge una riflessione, anche culturale. E la certezza della pena

Opinioni

Carabiniere ucciso a Roma. Urge una riflessione, anche culturale. E la certezza della pena

di Paolo Borrometi
“Me l’hanno ammazzato”.
Sono le terrificanti parole della moglie del Carabiniere, Mario Cerciello Rega, brutalmente ucciso in pieno centro a Roma.
E’ urgente fermarci a riflettere su cosa stia accadendo nel nostro Paese.
I delinquenti non hanno nessuna paura dello Stato, non ‘rispettano’ le Forze dell’Ordine.
Mario Cerciello Rega, è il secondo carabiniere ucciso in servizio negli ultimi 4 mesi in Italia. Il 13 aprile scorso Vincenzo Carlo Di Gennaro, vice comandante della Stazione di Cagnano Varano, era morto dopo 3 colpi di pistola sparati da un pregiudicato nella piazza del paese.
Poco più di un mese fa sempre, a Roma, un poliziotto è stato accoltellato, fortunatamente senza conseguenze gravi, durante un controllo. L’aggressore, già noto alle forze dell’ordine, probabilmente era sotto l’effetto di stupefacenti.
Mario Cerciello Rega, Vincenzo Carlo Di Gennaro.
Urge una riflessione, anche culturale.
Penso, ad esempio, al cantante neomelodico Niko Pandetta che, nonostante le sue condanne, è l’idolo di tanti ragazzini. Penso ai tre che erano in macchina, a Vittoria, con l’omicida dei due bimbi (Saro Greco) che sono scappati senza soccorrere i piccoli Alessio e Simone e che, oggi, sono tranquillamente in giro per i locali della città.
Spieghiamo ai ragazzi, nelle scuole, il ruolo centrale di chi indossa una Divisa, di chi amministra la Giustizia, di chi ci rappresenta. Spieghiamo loro che il rispetto delle regole è fondamentale per vivere civilmente.
Se si continuano ad attaccare le Istituzioni, se non si abbassano i toni e non si torna ad essere tutti uniti su fatti così gravi, se non si fa qualcosa contro la corruzione dilagante, questo è il risultato.
Dobbiamo rispettare le Forze dell’Ordine, i Magistrati. Dobbiamo rispettare il loro lavoro.
Non serve l’odio dilagante che sto vedendo sui social, serve un’unica cosa: la certezza della pena. Chi sbaglia deve pagare, a prescindere dalla nazionalità o dal colore della pelle.
Il nostro non può essere il Paese in cui uccidi una persona e tanto poi, fra sconti di pena, cavilli giuridici, permessi premio, ti fai appena qualche anno di carcere.

Tratto da: articolo21.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa