Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sostieni AntimafiaDuemila con Pay Pal

Back Sei qui: Home Opinioni Società Csm e Di Matteo, si parte male

Opinioni

Csm e Di Matteo, si parte male

di Liana Milella
Invece di diventare una casa di vetro il Csm si ostina a trasformarsi in una bottiglia affumicata. Non si sa bene per nascondere cosa. L’ultima succede sul caso Di Matteo, l’ex pm del processo trattativa Stato-mafia, oggi alla Procura nazionale antimafia, estromesso dal capo dell’ufficio Federico Cafiero De Raho dal pool sui mandanti delle stragi perché avrebbe rivelato particolari segreti in un’intervista. Nino Di Matteo, che ritiene la sua esclusione ingiusta, si è rivolto al Csm. Di cui peraltro aspira a far parte, avendo già confermato la sua candidatura con la lista di Davigo alle prossime elezioni suppletive di ottobre per due posti di pm. La settima commissione, che deve dirimere la controversia, decide l’audizione dei due contendenti e segreta tutto. Proprio in un caso in cui invece tutti dovrebbero avere interesse a sapere perché Cafiero ha escluso Di Matteo, e quindi se il suo passo è giusto, oppure ingiustamente punitivo nei confronti dell’ex pm. Un fatto è certo: Di Matteo, la cui notorietà è fuori discussione per il suo lavoro a Palermo sulla mafia, non ha fortuna coi suoi capi. È successo con il procuratore di Palermo Franco Lo Voi, che lo caricava di lavoro ordinario. Ora succede con Cafiero. Non si tratterà, per caso, di gelosia professionale? Comunque, dopo il caso Palamara, il Csm dovrebbe decidersi ad aprire le porte, anziché a chiuderle.

Tratto da: milella.blogautore.repubblica.it

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Di Matteo e la rimozione dal pool stragi, il Csm convoca lui e de Raho

Palamara: ''De Raho deve mettere fuori Di Matteo dal pool stragi''

Di Matteo su revoca pool: ''Provvedimento ingiusto e immotivato. Ho presentato ricorso al Csm''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa