Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Non esiste par condicio con la mafia: non andrò come ospite a ''Realiti''

Opinioni

Non esiste par condicio con la mafia: non andrò come ospite a ''Realiti''

di Paolo Borrometi
Sono stato invitato - e ringrazio Enrico Lucci - alla puntata di "Realiti" che si terrà domani sera ma non andrò. Non andrò, ma è giusto - a scanso di equivoci - motivare questa mia scelta.
Non andrò perché non può passare l’idea di puntate riparatorie, come accadde qualche anno fa dopo la puntata di “Porta a Porta” con ospite il figlio di Totò Riina (anche lui condannato per mafia).
Non andrò perché non esiste nessuna possibilità alle scuse a Falcone e Borsellino, ai loro familiari ed a tutti coloro che sono stati offesi con quella puntata che di servizio pubblico non aveva proprio nulla.
Non andrò perché non si può spostare il problema: oltre al 19enne “Scarface”, c’è la questione del nipote del capomafia Turi Cappello, tale Niko Pandetta. Niko Pandetta è un pluripregiudicato, nipote di Cappello.
E mentre la Procura di Catania apre un’inchiesta sulla puntata di Realiti, il programma non può non prendersi la responsabilità di quanto sia accaduto.
Pandetta ha definito lo zio, senza alcun contraddittorio, come vittima di un’ingiustizia da parte dei magistrati (magari cattivi!).
Non è così: Turi Cappello è un sanguinario capomafia, all’ergastolo ed al 41bis (cioè in regime di isolamento) e sentire in Tv dal nipote che “le sue canzoni sono influenzate dagli scritti dello zio” al carcere duro per mafia è inaccettabile.  Piuttosto Pandetta ci spieghi perché canti in napoletano, magari per rafforzare i legami che lo zio Turi Cappello aveva con la camorra?
Non andrò perché le parole del direttore di Rete, Carlo Freccero, non mi hanno convinto e mi hanno dato la sensazione di una puntata “riparatoria”, soprattutto quando ha definito la polemiche “pretestuosa”. Nel merito: sono felice che il film “La Trattativa” finalmente vada in onda, ma questo cosa c’entra con l’accaduto?
Non andrò, infine, perché lo devo ai ragazzi della mia scorta che dovevano saltare in aria con me in quell’attentato organizzato proprio dal clan Cappello. Loro meritano rispetto.
Ringrazio della presa di posizione il segretario del sindacato dei giornalisti Rai, Di Trapani, e della Fnsi, Giulietti e Lorusso. Così come plaudo alla dura presa di posizione dell’Amministratore Delegato, Fabrizio Salini, nella quale mi riconosco.
Attenzione, non sono per censurare nessuno, neppure i delinquenti.
Il problema sta nello spazio che gli offri, nelle domande che gli fai e nel contraddittorio.
Pandetta è un delinquente che non va ospitato in Tv senza ricordargli le responsabilità sue e dello zio capomafia.
Per tutte queste ragioni non andrò e spero che, piuttosto che una puntata riparatoria, si dedichi un minuto di silenzio in memoria di tutte le vittime della violenza mafiosa con le scuse. Senza aggiungere nient’altro.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Salvatore Borsellino su insulti a Falcone e Borsellino su Rai2: ''Il vero problema è stato invitare quel mentecatto''

Quello di Leonardo Zappalà è un insulto a tutti noi

Falcone e Borsellino. La Rai non ospiti chi li insulta

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa