Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Quell'intimidazione alla cronista Floriana Bulfon

Opinioni

Quell'intimidazione alla cronista Floriana Bulfon

di Pietro Orsatti
Questa mattina vado sul sito di Repubblica.it e trovo questa “breve”:


La cronista era tornata da poche ore a Roma. La sua auto era rimasta per giorni parcheggiata vicino casa. La bottiglia con il liquido era stata lasciata sul sedile del passeggero dell’utilitaria della giornalista, avvolta da un panno a scacchi”.

“Una bottiglia in plastica con del liquido sospetto è stata trovata stasera in auto della giornalista dell’Espresso e Repubblica Floriana Bulfon, in passato minacciata da alcuni componenti della famiglia Casamonica. Sul posto si è recata la polizia con la scientifica per i rilievi.


Floriana Bulfon è una cronista di razza, una di quelle che non molla l’osso, che non si accontenta mai, che i luoghi li va a vedere, li descrive, li annusa. Una che “le carte non sono mai abbastanza”, che ha buona memoria. Floriana è una donna che ha coraggio, una professionista dell’informazione. Con lei ho lavorato a lungo sulle mafie romane. Ci siamo fatti “un culo tanto” per districare l’intreccio criminale che stava soffocando la Capitale quando il termine “Mafia Capitale” veniva considerato una provocazione e non l’esatta definizione di un sistema di potere assoluto criminale, politico e economico. Con lei abbiamo lavorato a testa bassa sull’inchiesta alla base del libro “Grande Raccordo Criminale” andato in libreria nel febbraio 2014 undici mesi prima che scoppiasse il caso, appunto, di Mafia Capitale. Sporcandoci le mani e non aspettando qualche “dritta” dalle procure, andando in giro, cercando tracce dove nessuno aveva guardato, girando nei luoghi dove quel potere si materializzava. Si faceva “militare”.

Quel libro, a proposito, oggi è introvabile visto che Imprimatur, la casa editrice che lo ha pubblicato, è andata in liquidazione. Fa un certo effetto, oggi, pensare che quel lavoro enorme che mettemmo in pagina stia finendo al macero. Una brutta metafora, ancor di più dopo l’intimidazione di oggi a Floriana, di quale cura ci sia in questo Paese del lavoro di chi racconta la realtà. Mettendoci la faccia e rischiando in prima persona.

Dopo quel lavoro io mi sono concentrato sul settore librario mentre lei ha proseguito a scrivere per giornali come L’Espresso e La Repubblica e collaborando con alcune trasmissioni Rai. Da precaria. Ecco un altro cortocircuito di tutta questa vicenda. Perché Floriana è una collaboratrice esterna, una precaria. Non ha un editore e una redazione a sostenerla. Pagata “al dettaglio” per il suo lavoro. Inquietante questo aspetto della precarietà, vero?

Negli ultimi anni le sue inchieste hanno svelato mondi del tutto nascosti, oscenità come l’affare della prostituzione minorile o il potere delle organizzazioni criminali e mafiose in Italia. Senza mai tirarsi indietro. Da precaria, ricordo ancora.

Ci siamo sentiti poco fa. La domanda “chi?” è d’obbligo. La qualità del suo lavoro e delle sue denunce e tale che ha pestato parecchi piedi. E possono essere stati in molti a volersi “togliere lo sfizio” di mandare una minaccia anonima del genere. Una minaccia a una cronista, a una donna, a una persona che ha scelto di raccontare le storture di questo paese, che non si è mai fermata nel descrivere e smascherare i sistemi di potere, che ha fatto bene il suo lavoro. Il lavoro che si è scelta.

Un abbraccio Flo, qui stiamo.

Tratto da: orsattipietro.wordpress.com


L'abbraccio e la piena solidarietà alla collega Floriana Bulfon da tutta ANTIMAFIADuemila nella speranza che al più presto si faccia luce su questa odiosa minaccia.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa