Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Da Putin ai 49 milioni. In un libro-inchiesta i dubbi sulla Lega

Opinioni

Da Putin ai 49 milioni. In un libro-inchiesta i dubbi sulla Lega

di Massimo Rebotti
Come si finanzia il primo partito italiano (secondo i sondaggi)? E, soprattutto, come lo fa sotto la spada di Damocle dei famosi 49 milioni sequestrati dalla magistratura? Il libro nero della Lega muove da qui, rivendicando il diritto democratico dei cittadini di conoscere nei dettagli come funziona la nuova Lega di Matteo Salvini, protagonista, in pochi anni, di una vertiginosa ascesa: fondi, alleanze internazionali, «riciclati» al Sud. Giovanni Tizian e Stefano Vergine, che già per l’Espresso hanno realizzato una serie di inchieste sul tema, nel libro precisano il filo conduttore: la vecchia Lega nordista di Bossi e la nuova Lega nazionalista di Salvini, anche se la prospettiva politica si è ribaltata, restano indissolubilmente legate. Il nodo che le unisce sono appunto quei 49 milioni, il «tesoro padano» frutto della truffa (confermata in appello) sui rimborsi elettorali operata dall’allora tesoriere Francesco Belsito.

Il cuore dell’inchiesta è qui: dimostrare che le parole dell’attuale leader su quell’indagine partita nel 2012 — «un processo politico su fatti di dieci anni fa, su soldi che non ho mai visto» — non corrispondono a verità. Un po’ perché, si sostiene, anche Salvini, diventato segretario alla fine del 2013, ne ha utilizzati una parte, un po’ perché il «Capitano» non ha fornito, né richiesto ai suoi predecessori, spiegazioni su dove sia finito il resto. Per inseguire la pista dei soldi, il libro si serve di un’ampia appendice di documenti, tra carte della magistratura, conti correnti e bilanci che, secondo gli autori, spiegano il motivo per cui l’ombra dei milioni «spariti» dovrebbe continuare a pesare anche su Salvini.

L’inchiesta non si occupa solo del passato. Il racconto degli «uomini nuovi» del Carroccio segue due filoni. C’è il cerchio più stretto (e noto) del ministro dell’Interno: il tandem Luca Morisi-Andrea Paganella, artefice dell’enorme successo social del leader; il «russo» Gianluca Savoini, plenipotenziario delle relazioni con Mosca; il tesoriere Giulio Centemero, a capo, raccontano gli autori, di un team di commercialisti defilato ma cruciale, che ha il compito di mettere in sicurezza, sparpagliandole, le finanze del partito; e «mister flat tax» Armando Siri, curatore dei rapporti con i grandi gruppi economici. C’è poi un filone meno noto, quello dei «riciclati» del Sud: ex dc ed ex missini, alcuni con inchieste per voto di scambio sulle spalle, centrali nella crescita del consenso leghista in luoghi prima impensabili, da Catania a Gioia Tauro.

Infine, la Russia. Il libro definisce le caratteristiche di un legame solidissimo: che è politico — Putin visto come bastione della tradizione contro l’Europa «meticcia» di Bruxelles — ma anche economico, con la battaglia per cancellare le sanzioni dell’Unione Europea. E racconta, in particolare, un episodio: un incontro, nell’ottobre scorso all’hotel Metropol di Mosca, in cui Salvini avrebbe trattato un finanziamento da tre milioni di euro alla Lega da parte di ambienti del Cremlino per le prossime Europee. «Da Mosca non è arrivato e non arriverà nulla» ha risposto il leader.

Tratto da: Il Corriere della Sera del 12 marzo 2019

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...

LA MAFIA DEI PASCOLI

LA MAFIA DEI PASCOLI

by Nuccio Anselmo, Giuseppe Antoci

Milioni di euro guadagnati per anni in silenzio...


BLOODY MONEY

BLOODY MONEY

edited by Massimiliano Virgilio

Un sistema di corruzione politica che ruota intorno...

PROFONDO NERO

PROFONDO NERO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro...


CASAMONICA

CASAMONICA

by Nello Trocchia

È il 20 agosto 2015 quando per la...

UN'AVVENTURA SINDACALE

UN'AVVENTURA SINDACALE

by Anna Vinci

Figlia di madre nubile, nata e cresciuta in...


PECUNIA NON OLET

PECUNIA NON OLET

by Alessandro Da Rold

"Seguite i soldi, troverete la mafia".Giovanni Falcone"Se ‘Vituzzu’...

IN CULO ALLA MAFIA

IN CULO ALLA MAFIA

by Emanuele Cavallaro

È un testimone di giustizia. Che non è...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa