Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Quella strana voglia di ''bavaglio''

Opinioni

Quella strana voglia di ''bavaglio''

bavaglio sciopero leggedi Rino Giacalone
La Camera Penale di Marsala ha diffuso un comunicato dove insorge contro il mondo dell’informazione a proposito dell’indagine antimafia condotta dai Carabinieri nel trapanese – operazione MafiaBet – che ha visto finire arrestate per associazione mafiosa tre persone e che ha riguardato l’avv. Stefano Pellegrino, penalista marsalese e deputato regionale di Forza Italia, raggiunto da un invito a comparire dinanzi ai pm della Procura antimafia di Palermo. L’on. Stefano Pellegrino, che non è destinatario di misura cautelare, è indagato per un reato che rientra nella sua sfera di politico, il reato contestato dalla Procura di Palermo è di corruzione elettorale. Il reato contestato non riguarda quindi comportamenti inerenti il suo lavoro di avvocato penalista. Ciò non di meno la Camera Penale di Marsala esprimendo solidarietà al collega è voluta intervenire e non  è andata leggera nelle parole. E’ la dimostrazione che nel nostro Paese serpeggia, anche laddove non dovrebbe esserci, una strana voglia di bavaglio alla stampa. I penalisti marsalesi sono preoccupati, dicono “per l’utilizzo di atti processuali secretati e ancora in fase di accertamento come se fossero già sentenze di condanna”.

E ricordano che il nostro sistema costituzionale è basato sul principio di non colpevolezza e sul segreto istruttorio che, certamente, sempre più somiglia al segreto di pulcinella, tranne che per il diretto interessato”. E si appellano a chi ha la titolarità della tutela “del rispetto delle regole, poiché sono immanenti e imprescindibili per il rispetto del principio cardine del nostro sistema giudiziario ossia la presunzione di innocenza. Assistere, inermi, all’attacco mediatico nei confronti del nostro collega avv. Stefano Pellegrino e degli altri che sono coinvolti nella medesima operazione, è un atto che fa indignare tutti! Non vi è libertà quando le leggi permettono che un uomo cessi di essere persona e diventi una cosa. Non vi è rispetto delle regole, se l’indagato presunto innocente, si vede, sbattuto in prima pagina su tutte le testate nazionali, ancor prima di conoscere e comprendere quali contestazioni vengono mosse“. Ricordiamo ai penalisti marsalesi che celare una notizia talvolta, o sempre, può far danno alla democrazia e alle libertà collettive e individuali. Quando alla stampa è impedito di diffondere informazione significa che non ci si trovi in sistema democratico e libero. E’ roba da regimi dittatoriali! Se non fosse stato per la stampa, per esempio, non avremmo mai saputo di un ragazzo, Giulio Regeni, la cui vita è stata inghiottita dalla violenza di un Governo, quello egiziano. Se non fosse stato per la stampa italiana, tante vicende sarebbero rimaste irrisolte.

E di tante altre avremmo continuato a non saper più nulla. Sul punto. Non ci pare che l’on. Stefano Pellegrino abbia subito attacchi mediatici, e ci pare che nemmeno lui abbia avvertito ciò, considerato che in questi giorni più di una volta ha avuto la possibilità di parlare con i giornalisti e rendere dichiarazioni alla stampa, puntualmente pubblicate. Non ci sono mani che muovono fango mediatico. E non c’è stata gogna mediatica. Semplicemente è accaduto che i giornalisti hanno avuto una notizia, l’hanno verificata e l’hanno ritenuta fondata e di rilevanza sociale e quindi l’hanno pubblicata. Non sta bene ai penalisti marsalesi questa formula? Sta bene loro solo quando le notizie arrivano alla stampa veicolate dagli avvocati? I penalisti si rivolgono ai pm e chiedono interventi a tutela della privacy. Ma in questo caso non ci pare che si tratta di privacy. Ma anche su questo fronte tranquillizziamo i penalisti marsalesi. Sono tantissimi i cronisti che, scegliendo di scrivere e quindi di non tradire il patto con i lettori e con i cittadini che rivendicano il diritto ad essere informati, vengono sottoposti a procedimenti per violazione di segreti istruttori ma si tratta di cronisti che hanno sempre scritto con la schiena dritta e in nome dell’articolo 21 della Costituzione, anche sapendo di potere violare una norma, ma la libertà d’informazione per questi cronisti, e noi siamo tra questi,viene innanzitutto davanti a ogni cosa.

Tratto da: articolo21.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa