Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Nuovi indizi sul ministro nel giallo maltese di Daphne

Opinioni

Nuovi indizi sul ministro nel giallo maltese di Daphne

caruana galizia daphne 0A un anno dall’omicidio
di Carlo Bonini e Giuliano Foschini
A un anno dall’autobomba che il 16 ottobre 2017 spense la vita e la voce della giornalista maltese Daphne Caruana Galizia, la domanda più importante sulla sua morte continua a restare inevasa. Chi e perché ha voluto metterla a tacere?
Il Daphne Project, consorzio internazionale di giornalismo investigativo di cui Repubblica fa parte, ha continuato a cercare quella risposta, a fronte di un’inchiesta della magistratura che, a oggi, ha fatto registrare due sole novità: l’avvicendamento del titolare dell’indagine (l’equivalente del pubblico ministero, il prosecutor Anthony Vella, promosso giudice, è stato sostituito da Neville Camilleri) e un palese conflitto durante i primi otto mesi dell’inchiesta tra l’ufficio del prosecutor e la polizia maltese che non gli ha messo a disposizione elementi investigativi cruciali come i tabulati telefonici dei tre uomini oggi detenuti perché accusati di essere gli esecutori materiali dell’omicidio (i fratelli George e Alfred De Giorgio e Vincent Muscat, tre malavitosi locali).
L’inchiesta del Daphne Project è al contrario oggi in grado di documentare nuove circostanze che confermano i legami tra il ministro laburista dell’Economia, Chris Cardona, e Alfred De Giorgio, uno dei killer.
Dopo la smentita dell’aprile scorso con cui Cardona aveva negato quanto era stato rivelato proprio dal Daphne project circa almeno due incontri con l’uomo in un bar dell’isola prima e dopo l’omicidio, ora nuove rivelazioni accreditano quel legame.
Due testimoni (ascoltati dal nuovo titolare dell’inchiesta, Neville Camilleri) riferiscono infatti di aver visto il ministro in compagnia di Alfred De Giorgio il 29 giugno 2017, quattro mesi prima dell’omicidio, in una festa di addio al celibato che si svolgeva in una villa con piscina di Fawwara, piccolo centro a est di Valletta.

Tratto da: La Repubblica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

CASAMONICA, LA STORIA SEGRETA

by Floriana Bulfon

Un documento giornalistico straordinario e di estrema attualità,...

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...


IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...

FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...


IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...

AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa