Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Bennardo Raimondi: ''Scrivo a quaranta scuole per ricominciare a vivere''

Opinioni

Bennardo Raimondi: ''Scrivo a quaranta scuole per ricominciare a vivere''

raimondi bennardo c emanuele di stefano 0L'appello disperato di un artigiano vittima di usura che chiede di poter lavorare
di Bennardo Raimondi*
Gentile Dirigente,
mi chiamo Bennardo Raimondi, sono un artigiano palermitano, un ceramista e presepista. Da 40 anni svolgo questo mestiere non solo per bisogno, ma anche e, soprattutto, per amore dell’arte, cercando di valorizzare e di tramandare con le mie opere la difficile arte della ceramica.
La mia è una storia particolare. Nel 2003 sono stato costretto a vendere la casa a licenziare i miei 8 dipendenti, a chiudere il negozio (esportavo anche all’estero), perché esasperato e minacciato dagli usurai ed estorsori, che mi rovinarono sia economicamente che moralmente. Denunciai quelle persone, ma non conclusi nulla perché chi denuncia oggi viene isolato da tutti. Le mie opere sono sparse in tutto il mondo ma mi sono ridotto a elemosinare davanti alle chiese. Papa Francesco per due volte mi ha aiutato, rispondendo personalmente alla lettera che gli scrissi; a Sua Santità ho donato un presepe fatto a mano, il ricavato della vendita è stato donato alle famiglie povere. Ho realizzato anche un presepe che poi ho regalato allo Stato; adesso si trova presso la Camera dei Deputati. Di recente l'ex Presidente della Camera Boldrini mi ha conferito anche una medaglia al valor civile. Sono del parere che l’arte non deve morire. La vera crisi non è la crisi economica, ma la perdita dei valori umani. Ho avuto qualche piccolo aiuto da parte dello Stato, dalla Caritas. La mia città, però, mi ha molto deluso: nessun palermitano che ama l’arte, fino ad adesso, ha organizzato un evento per me. Ho avuto numerosi riconoscimenti da tanti paesi e città d’Italia, ma dalla mia città nessun riconoscimento, né elogio. Faccio spesso alcuni sorteggi per cercare di sopravvivere, oppure sono presente davanti alle chiese dove cerco di vendere qualche oggetto da me realizzato. Sono rari i sacerdoti che mi aiutano, che non hanno paura e che capiscono che dramma sto vivendo.
In attesa di un aiuto da parte delle istituzioni, ho ripreso l'attività di volontariato nelle scuole dove tengo gratuitamente laboratori di ceramica (di mattina) dove i bambini possono toccare l’argilla e realizzare qualche piccolo oggetto. Qualche dirigente scolastico già mi ha accolto nella sua scuola per portare la mia testimonianza così da farmi conoscere, trasmettere ai ragazzi il mio lavoro e magari riuscire a vendere qualcosa allestendo un piccolo banchetto. Far conoscere la mia storia e il mio lavoro attraverso l’acquisto dei miei prodotti rappresenta un modo efficace per poter aiutare me e la sua famiglia. Le sarei grato se, in prossimità del Natale, Lei mi consentisse di poter fare un piccolo laboratorio e far lavorare l’argilla ai suoi alunni e contemporaneamente allestire un piccolo banchetto dove il personale scolastico potrebbe conoscere alcuni oggetti natalizi che realizzo: presepi, statuine o decorazioni natalizie.
In attesa di Sue notizie, la ringrazio per l’attenzione e le porgo cordiali saluti.
Bennardo Mario Raimondi (tel. 339.1327950)

Questa lettera gia è stata consegnata in 40 scuole di Palermo. Attendo con pazienza.


* Tratto da: facebook.com/bennardo.raimondi

Il sito web di Bennardo Raimondi: bennardomarioraimondi.weebly.com

La fabbrica dei desideri: facebook.com/ArtigianatoTerracotta

Foto © Emanuele Di Stefano

ARTICOLI CORRELATI

Bennardo Raimondi: ''Dopo l'usura, aiutatemi a ripartire''

Bennardo Mario Raimondi artista della ceramica palermitana

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa