Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Csm, Sebastiano Ardita: ''Rimanere indipendenti anche dalle correnti''

Opinioni

Csm, Sebastiano Ardita: ''Rimanere indipendenti anche dalle correnti''

plenum consiglio superiore della magistratura c imagoeconomicadi Sebastiano Ardita
Da qualche giorno sono stato eletto componente togato del CSM. È inutile dire che si tratta di una responsabilità enorme, che mai avrei creduto di potere avere. Arrivo a questa esperienza certamente dal basso, facendo leva solo sulle mie forze e su un’incredibile concatenazione di eventi. L’amicizia con Piercamillo Davigo, la condivisione di un modo di intendere la giustizia, la decisione di dar vita ad un gruppo nuovo (non se ne formava uno da oltre trent’anni); e poi l’elezione al CSM: un traguardo da considerare impensabile fino a poco tempo fa. È solo merito dei miei colleghi, specialmente quelli di Messina e di Catania.
L’altra faccia della medaglia è che dovrò lasciare il mio posto di procuratore aggiunto. Ma dobbiamo fare ciò che può essere più utile ed importante in ogni fase. Non bisogna ricercare condizioni di stabilità nella vita professionale. Ed io di stabilità non ne cerco proprio. Così come non cerco sicurezze e non sfuggo alle sfide o ai pericoli.
Oggi è molto importante essere presenti nel Consiglio Superiore affinché i magistrati abbiano più forza dal loro autogoverno. È importante sostenere quelli che rischiano; quelli che lavorano in silenzio senza prospettive e mantenendosi indipendenti da tutti ed anche dalle correnti; quanti vivono sommersi da carichi di lavoro ingestibili eppure devono dare risposte di giustizia ai cittadini.
Tanti cittadini si aspettano un contributo affinché i valori civili prevalgano su logiche di mafia e corruzione. Dobbiamo pensare soprattutto a loro e non deluderli mai.
Dobbiamo esserci sempre nel ruolo che siamo chiamati a svolgere per realizzare ciò in cui crediamo: mai tirarci indietro e inseguire anche le cose che sembrano impossibili...

Tratto da: facebook.com/sebastiano.ardita

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa