Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Il silenzio del governo sull’omicidio di un ragazzo

Opinioni

Il silenzio del governo sull’omicidio di un ragazzo

di Attilio Bolzoni
Il movente è incerto però la morte è sicura. Fucilata con silenziatore incorporato, un ragazzo nero che non c’è più e non una parola - una sola parola - per ricordarlo, per raccontare e raccontarci cosa è accaduto laggiù, nella Calabria che non è nemmeno Calabria fra i fumi e i miasmi della tendopoli di San Ferdinando. La chiamano tendopoli ma - ci siamo stati tante volte, negli anni passati - è un girone dell’inferno riservato esclusivamente a quelli che arrivano dall’altro mondo, quelli che sono nulla e che sono nessuno.
Conosciamo a malapena il suo nome e la sua età, Soumayla Sacko, ventinove anni. Sappiamo che stava raccattando ferri per un riparo. Sappiamo che è stato ammazzato. Sappiamo tutto e niente. E, in queste ore, scopriamo che Soumayla è un altro “numero”, un incidente o un accidente, una “disgrazia”, un infortunio come un sinistro sul lavoro o un tamponamento stradale con vittime. Perché qualcuno nella nostra Italia dovrebbe parlare di questo ragazzo del Mali, perché il ministro dell’Interno Matteo Salvini (eletto in Senato proprio nel collegio di Rosarno, a un passo dalla tendopoli infame di San Ferdinando) o il ministro del Lavoro Luigi Di Maio dovrebbero sprecare fiato e tempo e fatica per quel bracciante di colore che forse rubava lamiere - ladro!!! - e che forse - ancora ladro!!! - chissà quante altre volte ha rubato qualcosa nei campi della Piana di Gioia Tauro dove una volta c’erano ulivi fantastici e dove poi gli amici e i complici della ’ndrangheta hanno piantato i kiwi sfregiando la natura per portare a casa qualche euro in più.
Questa fucilata che ha ammazzato Soumayla è una fucilata contro tutti noi. Contro i nostri principi, contro il nostro essere cittadini italiani, contro la nostra vita. Se i rappresentanti del nuovo governo non se ne sono accorti, se Salvini e Di Maio non hanno dato “importanza” a sufficienza a questo dramma che sembra lontano ma che è così vicino a noi tutti, significa che c’è una distanza troppo grande fra quello che si dice e quello che si fa, significa che i silenzi mostrano, scoprono i pensieri più intimi. La retorica nasconde sempre i fatti, gli spot taroccano la realtà, la morte violenta di Soumayla rivela paure e fa paura. Meglio tacere. Meglio far finta di niente. Meglio non aprire bocca.
Il presidente del Consiglio, il ministro dell’Interno e il ministro del Lavoro, hanno altro a cui pensare. Quel povero ragazzo del Mali che rubava ferri nella Piana di Gioia Tauro che c’entra con noi, Italia del 2018, anno del grande cambiamento?

Tratto da: La Repubblica

Foto © Ansa

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa