Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Milano, imbrattato il murale del generale dalla Chiesa con la scritta ''assassino''

Opinioni

Milano, imbrattato il murale del generale dalla Chiesa con la scritta ''assassino''

da libera.it
Libera: "Gesti ignobili come questo rendono ancora più forte il nostro impegno quotidiano in difesa della memoria delle vittime di ogni criminalità".

Nella notte, qualcuno, ha imbrattato il murales del generale dalla Chiesa all'Ortica di Milano scrivendo con vernice rossa "assassino, torturatore, i compagni non dimenticano", citando la data del 28 marzo 1980 e 'firmando' il blitz con la falce e il martello. Il 28 marzo 1980 è la data dell'irruzione di via Fracchia a Genova, quando i carabinieri guidati da dalla Chiesa, allora comandante della Regione militare Nord-Ovest, effettuarono un blitz in appartamento che si concluse con l'uccisione di tre briagatisti rossi e della stessa proprietaria dell'appartamento.
In una nota Libera condanna il gesto ed esprime profonda solidarietà e vicinanza alla famiglia dalla Chiesa: "La scritta contro il Generale Carlo Alberto dalla Chiesa, apparso sul murale nel quartiere Ortica di Milano, è un tentativo meschino di deturpare la memoria di uno degli uomini che hanno letteralmente dato la loro vita per difendere il nostro Paese da mafia e terrorismo. E questo certo non casualmente, a pochi giorni dal 21 marzo quando a Milano e in tutta Italia si è celebrata la Giornata della memoria in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Libera si impegna da sempre e ogni giorno a difendere la memoria del Generale e di tutte le vittime innocenti. Gesti ignobili come questo rendono ancora più forte il nostro impegno quotidiano in difesa della memoria delle vittime di ogni criminalità. Tutta la nostra profonda solidarietà alla famiglia dalla Chiesa, e al nostro presidente onorario Nando dalla Chiesa".

Tratto da: libera.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa