Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Presidente Musumeci, sul Parco dei Nebrodi, ha perso

Opinioni

Presidente Musumeci, sul Parco dei Nebrodi, ha perso

musumeci nellodi Luciano Armeli Iapichino
L’occasione era ghiotta, caro Presidente Musumeci.
Era ghiotta per fare la differenza con i suoi predecessori, Crocetta compreso, e futtirisinni - ci scusi per l’espressione tanto indelicata quanto efficace - di Spoils system, usanze, calcoli e quant’altro la pratica politica nella terra dei Gattopardi prevede. Vede, in questa terra, in cui i politici continuano a utilizzare i verbi al futuro, in cui si dovrebbe avvertire il senso delle istituzioni, dell’autonomia, dell’onestà intellettuale, e in cui la dignità personale dovrebbe valere oltre ogni ordine di partito, e in cui ai Presidenti di Regione verrebbe da chiedersi cos’è la lealtà (abbiamo preso in prestito delle bellissime espressioni, le Sue, Ars seduta del 10/11/2015) le rivoluzioni appartengono alla storia. A quella più atavica! Di recente, e leggasi mezzo secolo o più, poca roba, poca sostanza, poche se non rare casacche - se non crivellate - che avessero a cuore l’interesse del popolo siciliano.
Questo popolo cloroformizzato, umiliato e con la tendenza a farsi umiliare, cui il vento dell’indifferenza ha sradicato l’ultimo seme di orgoglio rivoluzionario e forse d’indignazione, ha problemi con la mafia, con l’antimafia, con la classe dirigente, con la burocrazia, con l’informazione libera, con quella roncola onnipresente che si chiama truffa.
Sui Nebrodi, quell’“antipatico” di Giuseppe Antoci una piccola rivoluzione l’aveva avviata con fatti talmente concreti che non necessitano memoria.
E Lei, caro Presidente di tutti i siciliani, anche di quelli onesti, lo sa!
Lei sa! E’ persona troppo navigata!
Sa che la figura di Antoci, in certi ambienti, è scomoda, lo è stata e continuerà a esserlo. Certo, anche per una parte, forse, di un certo elettorato: quello però che nessun politico onesto vorrebbe dalla propria parte!
Che sensazione di autostima dovrebbe provare un Presidente di Regione che immagina, perché lo immagina, il giubilo, l'apoteosi, il tripudio manifestato alla rimozione di Antoci dal Parco dei Nebrodi da chi è stato messo alle strette dal Protocollo di legalità e dalle misure cautelari a esso connesse?  
Sa pure che è difficile, in una terra di equilibri delicati, di pressioni e promesse da corridoio, che attuare il sistema del merito è utopia se non si ha un solido senso delle istituzioni, una granitica onestà intellettuale legata a un forte senso dell’autonomia, se non si hanno, in parole semplici, le palle, caro Presidente Musumeci.
Forse, il vero segnale, quello più nobile, sarebbe stato, considerando almeno per una volta la dignità personale di chi ha lavorato nell’interesse di questa terra eantoci giuseppe nel nome delle vere istituzioni, andare in controtendenza e dare fiducia a Giuseppe Antoci, ovvero elargire un cenno nuovo al popolo dei Nebrodi. E non solo.
Se la Sua priorità, l’opportunità politica di un Governatore di razza è stata quella di rimuoverlo spiazzando, ci creda, anche chi la stimava per la Sua storia personale e il Suo onesto curriculum politico, allora, caro Presidente Musumeci, non utilizzi più, per correttezza alla Sua forbita oratoria che attinge nelle Sue più sacre e integerrime segrete morali, il termine rivoluzione. Vede, per fare la rivoluzione è necessaria una buona dose di coraggio, di folle determinazione, di “furbata”, ci consenta, politica che sarebbe di certo tornata a Lei più utile di una restaurazione dello status quo. Perché di questo si tratta. 
Soprattutto su queste montagne in cui non ci sono solo cimiteri di mafia. Perché se l’avesse applicata l’autentica rivoluzione, un new deal in zona di depressione valoriale, sarebbe rimasta nella storia politica di questa regione come indiscussa vera novità, come elegante colpo da maestro, emblema di una sottigliezza politica che non appartiene a tutti, forgiandola pari tempo a ricordo e indelebilmente nel cuore delle generazioni future.
E si! Quel futuro che tutti anelano ma che poi, con i fatti, si mortifica con pratiche ottocentesche che hanno, di fatto e sempre, oscurato il sipario del tempo che verrà.
Caro Presidente, Bit o non Bit, questa regione ha proprio perso il tempo che verrà.
E Lei, con l’affaire Antoci, con essa. Ha perso un treno, forse uno degli ultimi, di dare una sterzata diversa sul piano etico. 
Ha perso l’occasione, sui Nebrodi e davanti a una nazione, di fare, per una volta, la differenza con i suoi predecessori che sul piano del clientelismo e del trasformismo erano forse antenati e pionieri senza tempo.
Per il resto, fin quando l’area resterà bonificata, i Nebrodi continueranno a vedere i primi turisti. Caro Presidente, è la moda che passa non lo stile.
E la differenza, mi rendo conto, non è per tutti.
Figuriamoci in Sicilia,terra bellissima, dove non vogliamo più continuare a jiri a cavaddu a la mula di li Cappuccini!
"A piedi", Presidente, a piedi verso il nostro futuro.
E saggia tradizione del Pitrè, quella si, ci avverte.

Foto in alto: Nello Musumeci
Foto a destra: Giuseppe Antoci © Armeli

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GUERRA NUCLEARE

GUERRA NUCLEARE

by Manlio Dinucci

Sembra di vivere nel film "The day after"...

LE VERITA' NASCOSTE

LE VERITA' NASCOSTE

by Ernesto De Cristofaro

“È [...] maturo il tempo per raccogliere l’esigenza...


IL SUICIDATO

IL SUICIDATO

by Sara Favarò

Il suicidato è un libro intervista ad Angela...

IL BOSS

IL BOSS

by Antonella Beccaria, Giuliano Turone

Il 1974 fu un anno senza ritorno. Un...


IN NOME DEL FIGLIO

IN NOME DEL FIGLIO

by Jole Garuti

Il 6 agosto 1985 la mafia uccise a...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


IL LINGUAGGIO MAFIOSO

IL LINGUAGGIO MAFIOSO

by Giuseppe Paternostro

In che modo un'associazione che ha fatto del...

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca