Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Ferdinando Imposimato, servitore di ideali che meritavano di essere serviti

Opinioni

Ferdinando Imposimato, servitore di ideali che meritavano di essere serviti

imposimato ferdinando web1di Riccardo Orioles
Ai tempi della Repubblica, Ferdinando Imposimato fu magistrato, e in questa veste cercò di difenderla - conforme al giuramento - e di far luce sui tentativi di ucciderla, che allora non andarono - per il momento - a segno. Non era fra i magistrati che io vedevo più spesso, quindi non mi aspettavo - un anno fa di questi tempi - la sua telefonata di adesione alla campagna che alcuni giovani colleghi, Luca Salici in testa, avevano lanciato in quei giorni per un riconoscimento pubblico del mio lavoro. Che però, a mia insaputa, egli aveva sempre seguito molto attentamente, soprattutto a proposito dei rapporti fra mafie, poteri pubblici e massoneria. Mi colpì l’accuratezza con cui citò, in questa e altre conversazioni, mie vecchissime inchieste sui viaggi di Falcone in America, sui depistaggi postumi tentati, e sulle reazioni inconsulte di alcuni poteri alle inchieste. Napoletano di provincia - casertano - e dunque signorile e acuto, forte testa e gran cuore, volle appoggiare la campagna, concretamente, e farmi ancora l’onore delle sue conversazioni. Non eravamo vicini, politicamente; o forse sì, dal momento che per entrambi i valori fondanti - onore, impegno civile, servizio collettivo - erano quelli antichi, degli uomini del vecchio secolo e specialmente di sinistra. Aveva perduto un fratello, assassinato dalla camorra. Dei suoi temi specifici, il più utile forse fu la sua trattazione del caso Moro, non riconosciuta dalle istituzioni ma incisa nell’opinione pubblica, sì da rendere senso comune la partecipazione straniera - di non amichevoli “alleati” - a quello che fu l’inizio della fine per la Repubblica democratica nata dalla Resistenza. Ad essa, più che alla persona fisica di Imposimato, va, ricordando lui, il nostro acerbo rimpianto. L’uomo fu fortunato, di vita lunga e coraggiosa e utile, servitore di ideali che meritavano di essere serviti. Ma è la Repubblica che piangiamo, oggi che non c’è più neanche Imposimato.

Tratto da: ilfattoquotidiano.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IN NOME DEL FIGLIO

IN NOME DEL FIGLIO

by Jole Garuti

Il 6 agosto 1985 la mafia uccise a...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


IL LINGUAGGIO MAFIOSO

IL LINGUAGGIO MAFIOSO

by Giuseppe Paternostro

In che modo un'associazione che ha fatto del...

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...


FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...


UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca