Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Caso Moro, 700 mila documenti per riscrivere la verità ufficiale

Opinioni

Caso Moro, 700 mila documenti per riscrivere la verità ufficiale

moro aldo sorrisodi Stefania Limiti 
Terza e ultima relazione della Commissione d’inchiesta sul caso Moro: 700 mila documenti digitalizzati, tutti desecretati, assicura il presidente Giuseppe Fioroni, tranne quelli usati dalla Procura di Roma per le indagini in corso. Un immenso materiale documentale che piomba sulla nebulosa del delitto più importante del ‘900 italiano con alcuni punti fermi. Il primo: Valerio Morucci è stato il vero liquidatore degli anni di piombo, concordando una verità accettabile, per la purezza rivoluzionaria delle Br e per la compromissione del potere Dc, in cambio di una strisciante amnistia per i detenuti. Il suo Memoriale ha “inventato” la verità ufficiale del caso Moro, stabilendo un rapporto confidenziale e di stretta collaborazione con gli ambienti dei servizi che hanno contributo a scrivere il finto dossier passato poi ai magistrati per metterlo sotto chiave con le sentenza giudiziarie. Altro capitolo caldissimo è via Massimi 91: in quello stabile - l’unico a non essere perquisito in tutta la zona che è limitrofa al luogo dell’agguato - ha trovato un rifugio sicuro Prospero Gallinari nell’autunno del ’78 (ancora secretati i nomi dell’allora coppia di ospiti). Era lì per la generosità dei due? No, piuttosto era un luogo che godeva di una sorta di immunità extraterritoriale: ospitava cardinali e prelati: Egidio Vagnozzi e il cardinal Alfredo Ottaviani, e Marcinkus, sempre lui l’uomo dello Ior. Ma non c’erano solo abiti talari: lì abitava la giornalista tedesca Birgit Kraatz, compagna di Franco Piperno, c’erano personaggi legati alla finanza, come il libico Omar Yahia, personaggio di grandissimo calibro, e la sede della Tumco, compagnia americana che svolgeva attività di intelligence per un organo informativo militare. La Commissione, più che chiudere, a riaperto il caso Moro: quel materiale va ricomposto per riscrivere l’insieme delle forze che collaborarono quel giorno del 16 marzo 1978 per deviare il corso della democrazia italiana.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa