Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società ''Le navi di amianto''

Opinioni

''Le navi di amianto''

navi di amiantodi Nicola Tranfaglia
C’è una tragedia di cui nessuno parla (e di cui anche gli studiosi di storia non hanno hanno parlato quasi mai) che riguarda i giovani italiani arruolati in servizio di leva (ma molti sono rimasti anche dopo di essa, non  trovando posto nella vita civile) e che si sono ammalati a causa dell’amianto sparso sulle navi della nostra marina. Sono quasi trecento navi e sommergibili stilata dalla Procura della repubblica di Padova.

E i ministri della Difesa non hanno mai illustrato le spese compiute dal parlamento per compiere gli interventi, nella maggioranza dei casi parziali e non risolutivi, che sono stati compiuti senza nessuna possibilità di compierlo in tutte le navi e in maniera completa.

Gli ammalati e i defunti identificati con patologie correlate ad esposizione a fibre di amianto sono stati 563. E il 77 per cento risultano deceduti una percentuale che sale al 92-93% per il mesotelioma. Il professor Armando Soffritti, direttore dell’Istituto di Oncologia e di Scienze ambientali, stima in dieci su 100mila unità il tasso di mesotalioma nella Marina militare italiana.

Per trovare queste cifre impressionanti che né la nostra Marina né i grandi editori hanno mai reso noto all’opinione pubblica dei non addetti ai lavori è necessario trovare il libro di due giornalisti, Lino Lava e Giuseppe Pietrobelli, pubblicato da un piccolo editore come Oltre edizioni a Milano, che in 247 pagine e con il modico costo di sedici euro, fornisce tutte le notizie necessarie per ricostruire la tragedia di centinaia di giovani che hanno trovato la morte proprio nell’esercito di cui hanno fatto parte per non sfuggire a un dovere fondamentale fissato dalla nostra Costituzione.

Tratto da: articolo21.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa