Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Non si torni indietro sulle pensioni

Opinioni

Non si torni indietro sulle pensioni

documentato economia finanzadi Nicola Tranfaglia
L'aggiornamento del Documento di economia e finanza nel quale il governo ha alzato la stima di crescita dell'Italia al +1,5% nell'intero 2017 inizia la sua prova in parlamento con un ciclo di audizioni da parte delle massime autorità sui conti pubblici. E incassa un primo supporto dall'ISTAT che proprio oggi ha aggiornato i suoi conti economici semestrali. “In Italia le aspettative di crescita nei prossimi sei mesi appaiono favorevoli” ha detto il presidente dell'Istituto Giorgio Alleva nel corso dell'audizione in senato. Mentre la Banca d'Italia insiste sulla riduzione del debito. "E' alla nostra portata" assicura il vice direttore generale Luigi Signorini che però ammonisce: "Non si torni indietro sulle pensioni".
Dall'Ufficio Parlamentare di Bilancio arriva il via libera ma anche una nota negativa: per il PIL c'è un rischio di revisione rispetto alla previsione dell'1,5% per il 2018. Estremamente ottimista è l'intervento del ministro Pier Carlo Padoan: l'insieme degli interventi produce un impatto nettamente positivo di crescita:si stima incremento del tasso di crescita del Pil di 0,3% punti percentuali nel 2018-2019.
Alleva ha fatto riferimento all'indice sulla fiducia dei consumatori e al clima delle imprese e ha affermato che "segnali di miglioramento sono confermati dall'indicatore anticipatore" a settembre che testimonia il rafforzamento della crescita a breve. La domanda di investimenti "uno degli elementi chiave della ripresa" ha aggiunto,è particolarmente vivace ed "è attesa crescere a un ritmo superiore" con un significativo aumento della produzione nei prossimi mesi.
Un chiaro riferimento alla tematica degli sgravi per le imprese, attesi una parziale riconferma anche nella prossima legge di bilancio.
Il presidente non ha mancato di far riferimento al peso dell'economia sommersa che rappresenta "un freno strutturale allo sviluppo del Paese". In questo contesto, le politiche di contrasto all'evasione assumono una valenza strategica anche per aumentare il potenziale di crescita e la competitività del sistema produttivo.
Ha ricordato quindi i dati del Mef sul triennio 2012-2014 che segnalano un gap di 107,7 miliardi di cui 97 miliardi di mancate entrate tributarie e 10,7 miliardi di mancate entrate contributive.
"La politica di bilancio si deve muovere lungo un sentiero stretto tra l'esigenza di no soffocare la ripresa congiunturale e l'imperativo di ridurre il debito" premette Signorini.
Aggiungendo subito dopo che "la significativa riduzione del rapporto tra il debito pubblico è un imperativo e nel medio termine alla nostra portata: lo mostrano tanto le nostre analisi quanto quelle del governo".
A sostegno della riduzione c'è innanzitutto la crescita, dice il vicedirettore della banca d'Italia: “le proiezioni che abbiamo pubblicato nel bollettino economico in luglio prefigurano una crescita del Pil dell' 1,4 % nel 2017 e di poco meno nei due anni successivi”.
Anche la Corte dei Conti chiede che non si torni indietro sulle pensioni. La nota del Mef indica 3,5 miliardi di euro di tagli alla spesa pubblica e 5,1 miliardi da lotta all'evasione fiscale.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa