Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Il buco nero del riciclaggio in Italia

Opinioni

Il buco nero del riciclaggio in Italia

racket bustarelladi Nicola Tranfaglia
I soldi delle mafie (le quattro italiane più quelle che dal mondo intero si inseriscono nel nostro panorama nazionale) si inseriscono nel sistema finanziario italiano. La direzione nazionale antimafia parla di oltre 100 miliardi di euro per quanto riguarda il riciclaggio e viene gestito nelle operazioni sospette con operazioni compiute dalle direzioni provinciali della divisione che opera in collaborazione con la Guardia di Finanza. Tuttavia di fronte al volume e al valore economico che la banca d’Italia nel 2015 ha calcolato intorno ai 97 miliardi di euro il valore della somma annuale va dai 49.075 del 2011 ai 71.758 del 2014 e alla cifra molto vicina ai 100 miliardi dell’anno successivo. Questo-denuncia il FMI al termine di una lunga ispezione e mette in evidenza il fatto che “l’Italia non ha ancora messo  a punto un’azione efficace contro il finanziamento del terrorismo che sia coordinata a livello nazionale”.

Questo è avvenuto perché le associazioni mafiose hanno continuato a muovere i loro soldi  ed a esercitare la loro azione attraverso le ipoteche assegnate senza garanzie, attraverso gli scoperti milionari e le imprese intestate a prestanome che non hanno mai depositato una dichiarazione. Cosa che è diventata molto più ampia con la crisi economica che ha reso le banche più vulnerabili. E’ diventata così una lotta impari per le operazioni passate al setaccio della Dia che  nelle varie regioni italiane hanno coinvolto 165.486 persone, l’84,1% delle quali per importi compresi tra i 50 mila euro e il milione di euro. E il tutto passato attraverso le banche.

La crisi di liquidità ha colpito le banche più vulnerabili e l’elevato numero di sedi della Banca d’Italia rende difficile, se non improbabile il controllo. “Negli ultimi anni – spiega il penalista Roberto de Vita, direttore della sede centrale -il fenomeno ha compiuto un salto di qualità. E questo è quello che ha reso quasi impossibile il controllo completo di tutte le operazioni sospette. Guglielmo Muntoni che si occupa dei sequestri dei beni non ha dubbi: “nel 90% per cento dei sequestri fatti siamo risoluti da operatori dei servizi bancari siamo risaliti a soggetti della criminalità organizzata.La stessa criticità si ripresenta quando entrano in gioco le categorie professionali. Nel 2015 delle dichiarazioni dei professionisti sono state 5979 le operazioni sospette in crescita del 150% rispetto al 2014.

Tratto da: articolo21.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta