Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Quando Rodotà non ci fece sentire soli

Opinioni

Quando Rodotà non ci fece sentire soli

rodota stefanodi Andrea Scanzi
Stamani Il Fatto Quotidiano pubblica l’intervento di Stefano Rodotà alla serata che organizzammo a Roma il 2 dicembre per il “No” al referendum – indecente – voluto dal pokemon tontolone. C’erano tante belle persone e un clima strano. Bello, ma strano. Temevamo eccome la vittoria del giglio babbeo. C’ero anch’io. Sul palco, insieme ad amici, lessi un pezzo di Calamandrei. Accanto a me, dietro le quinte, tutti gli ospiti. Attori, registi, scrittori, giornalisti, cantanti.

Avevamo la sensazione di fare la cosa giusta, anzi giustissima, ma anche di essere destinati a perdere. Ficarra e Picone sdrammatizzavano, Sabrina Ferilli provava a dare fiducia, Moni Ovadia infieriva sul niente (cioè su Renzi). Marco (Travaglio) non voleva sentir parlare di pronostici (e io glieli dicevo apposta, ovviamente ferali, soprattutto a cena dopo la serata a teatro). L’unico ottimista era Freccero, che aveva in mano sondaggi fatti da non so chi: avrebbe avuto ragione lui, per la fortuna di questo scombussolato paese. Anche Tomaso Montanari si mostrava moderatamente ottimista.

A un certo punto, dalla platea, parlò Stefano Rodotà. Tutti applaudirono e scattarono in piedi prim’ancora che parlasse. Lo facemmo anche noi, dietro le quinte. Applausi lunghissimi, forti, affettuosi. Un gigantesco abbraccio. A qualcuno (a me di sicuro) venne anche un po’ da piangere. Rodotà provò a fermare gli applausi e i cori, non perché non ne fosse felice, ma perché si sentiva imbarazzato. Gli pareva che quell’affetto fosse eccessivo. Non lo era: applaudendolo, e commuovendoci, tributavamo l’uomo che tutti noi avremmo voluto Presidente.

Un uomo non voluto dal Pd, detestato dalla destra, denigrato da troppi servi idioti (quanti “giornalisti” lo umiliarono in tivù con la storia del “Ro-do-tà”, mamma mia) e insultato da quasi tutti (anche da Grillo, che lo definì cretinamente “ottuagenario miracolato dalla rete”). Averlo al Quirinale sarebbe stato un sogno e per questo non lo abbiamo avuto: la politica italiana è schifosa e fa male alla pelle, come cantava qualcuno (Gaber). È irredimibile e non contempla speranza alcuna. Lì, con la seconda elezione di Napolitano, per me è finito tutto. Da allora solo macerie e iatture. Rodotà disse parole bellissime. Lì ci rendemmo conto, definitivamente, di essere al posto giusto nel momento giusto. Lì avvertimmo di avere già vinto, a prescindere da quanto sarebbe accaduto il 4 dicembre. È stata, è e sarà una delle serate di cui più andare orgogliosi nella mia vita. Un onore essere salito sul palco dopo le sue parole. Una fortuna essergli stato contemporaneo. Un dolore vivere in un paese che, ai Rodotà, preferisce sempre i Napolitano.

Grazie di tutto, Presidente.

Tratto da: ilfattoquotidiano.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa