Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Riina, l'ANM e un paese senza memoria

Opinioni

Riina, l'ANM e un paese senza memoria

riina salvatore web3di Autonomia e Indipendenza
A&I non condivide l'intervista del presidente dell'ANM rilasciata sul cd caso Riina e ritiene che, al di là della opportuna precisazione sulla funzione nomofilattica della Cassazione, le esternazioni sullo Stato che manifesterebbe la sua forza prendendosi particolare cura delle richieste di Riina possano acquisire una valenza politica che non coincide col sentire  dei magistrati italiani. Il fatto che qualcuno metta in discussione la legittima detenzione del capo di Cosa Nostra rischia di avere un contenuto simbolico molto forte e ben preciso: quello di un attacco definivo alla effettività del sistema penale ed alle sue regole a favore di una superficiale logica perdonista. E ciò è ancora più pericoloso  in un momento come quello attuale, in cui si assiste alla destrutturazione sia del sistema penale, divenuto dispensatore di sanzioni erogate solo sulla carta, sia dello stesso principio di rieducazione, rimodulato per farne strumento di elusione di reali percorsi rieducativi all'interno  delle regole dello Stato. La forza dello Stato non si manifesta assecondando le richieste di chi, riavendo la libertà, ben potrebbe tornare a comandare Cosa Nostra. Questo stucchevole dibattito - che nulla ha a che vedere con la garanzia una detenzione dignitosa che non è mai stata in discussione - non rappresenta solo una offesa alle vittime del terrorismo stragista, che Albamonte ha comunque ricordato; ma afferma la debolezza di un paese senza memoria che sembra voler dimenticare le stragi di mafia e l'inaudita violenza del fenomeno mafioso, mettendo all'angolo le vittime dei reati, lo stato di diritto e i suoi servitori.

Il Gruppo di Coordinamento di Autonomia&Indipendenza

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa