Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società #366GiorniSenzaGiulio

Opinioni

#366GiorniSenzaGiulio

365 giorni senza giulio fiaccolatadi Giuseppe Giulietti
Riccardo Noury, portavoce di Amnesty, ha chiesto alla Federazione della stampa, ad Articolo 21, e più in generale ai giornalisti italiani, di non spegnere i riflettori, sino a quando non saranno raggiunte verità e giustizia per Giulio Regeni.
Una richiesta ripetuta, con grande passione umana e civile, dalla comunità di Fiumicello, dai familiari di Giulio, da Alessandra Ballerini, legale tenace e generosa.
Quei riflettori resteranno accesi, perché il calvario di Giulio è ancora segnato da troppe oscurità, dai depistaggi e dalle bugie di uno Stato che, ogni giorno, tollera ed incentiva il sequestro, la tortura, la soppressione degli oppositori di ogni fede, natura e colore.
Allo stesso modo, come hanno ripetuto mamma Paola e papà Claudio, bisogna continuare a reclamare il rispetto dei diritti umani e civili anche per tutti i “Giulio egiziani”, parole ancora più forti le loro perché vengono da chi ha perso un figlio e avrebbe tutto il diritto di restare chiuso nel suo doloroso universo.
Per queste ragioni ci é sembrato giusto aderire al loro appello, senza dimenticare che anche quando vennero assassinati i Fava, gli Impastato, i Siani, i carnefici tentarono di infangarli, inventando piste passionali, regolamenti di conti, loschi traffici, esattamente come il regime egiziano ha tentato di fare con Giulio.
Evidentemente le associazioni criminali di qualsiasi natura e latitudine sono ormai omologate anche nel linguaggio e nelle forme dell’oltraggio.
Ora persino loro hanno dovuto rettificare e chiedere scusa, la verità è ancora lontana, ma è ancora possibile.
Sino alla fine e senza incertezza alcuna #veritàpergiulioregeni.

Tratto da: articolo21.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa