Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Da testimone a collaboratore di giustizia: il diritto alla difesa

Opinioni

Da testimone a collaboratore di giustizia: il diritto alla difesa

leonardi luigi leienedi Salvatore Borsellino e Movimento delle Agende Rosse
Ieri mattina, attraverso un post su facebook, il testimone di giustizia Luigi Leonardi ha reso pubblico il cambiamento del suo status giuridico: da qualche settimana è, per lo Stato italiano, un collaboratore di giustizia o, in gergo giornalistico, un “pentito”. 


Sarà bene chiarire la gigantesca e sostanziale differenza tra le due figure e, per farlo, usiamo le parole del sito della Camera dei Deputati: “Mentre i [collaboratori di giustizia] sono persone che hanno un passato di appartenenza ad una organizzazione criminale o mafiosa, i [testimoni di giustizia] sono cittadini incensurati. I collaboratori sottoscrivono un "contratto" con lo Stato basato sulla fornitura di informazioni provenienti dall'interno dell'organizzazione criminale in cambio di benefici processuali, penali e penitenziari, della protezione e del sostegno economico per sé e per i propri famigliari. I testimoni invece forniscono la loro testimonianza relativamente all'accadimento di un fatto delittuoso e per tale ragione godono di una protezione da parte degli organi dello Stato appositamente creati. In molti casi si tratta di commercianti che si rifiutano di pagare il "pizzo" o di persone non più disposte a continuare a pagare interessi a tassi usurai concessi loro da membri dell'organizzazione mafiosa”(1). L'organismo preposto a decidere lo status di collaboratore o di testimone di giustizia è la Commissione centrale per la definizione e applicazione delle speciali misure di prevenzione.
E, per quest'ultima, Luigi Leonardi è, ad oggi, considerato a tutti gli effetti un camorrista.
Su quali basi, non è dato sapere. Neanche allo stesso Leonardi, visto che, secondo la legge, gli atti della Commissione sono coperti da segreto d'ufficio:
“Sono coperti dal segreto di ufficio, oltre alla proposta di cui all’articolo 11, tutti gli atti e i provvedimenti comunque pervenuti alla commissione centrale, gli atti e i provvedimenti della commissione stessa, salvi gli estratti essenziali e le attività svolte per l’attuazione delle misure di protezione. Agli atti e ai provvedimenti della commissione, salvi gli estratti essenziali che devono essere comunicati a organi diversi da quelli preposti all’attuazione delle speciali misure di protezione, si applicano altresì le norme per la tenuta e la circolazione degli atti classificati, con classifica di segretezza adeguata al contenuto di ciascun atto” (Legge N. 82 del 1991, come modificato dalla legge N. 45 del 2001, art. 10, comma 2 ter) (2).
Quindi Luigi Leonardi, dopo quasi 20 anni di deposizioni in qualità di testimone in processi di camorra (uno dei quali concluso con la condanna definitiva di 81 camorristi), dopo aver visto passata al vaglio di diversi procuratori la sua attendibilità, dopo centinaia di incontri sulla legalità nelle scuole e nei più disparati convegni, viene etichettato come collaboratore di giustizia, quindi affiliato alla camorra, senza che egli abbia mai confessato – elemento essenziale per diventare “pentito” – la sua partecipazione ad alcuna associazione criminale o ad alcun crimine ad essa collegato.  
Luigi Leonardi, contro questa disposizione della Commissione centrale, ha presentato ricorso al Tar, la cui ordinanza (con cui si congeleranno temporaneamente, se accolto, gli effetti del provvedimento impugnato) si aspetta per domani, martedì 11 ottobre.  
Ci chiediamo come possa in questi casi un qualunque cittadino far valere il proprio diritto alla difesa, sancito dall'articolo 24 della nostra Costituzione, quando un  marchio tanto infamante viene impresso senza permettere alcun diritto di replica.

Chi volesse sottoscrivere il comunicato può lasciare il suo nome, cognome e città di residenza tra i commenti sotto l'articolo.

Note: (1) - (2)

Tratto da: 19luglio1992.com
  

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa