Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Attilio era mio figlio

Opinioni

Attilio era mio figlio

manca attilio angela archiviodi Angela Manca
In Italia ci sono casi di omicidio di cui non si deve parlare e sui quali è opportuno tenere un basso profilo, minimizzare, nascondere, insabbiare. Quello di Attilio appartiene a tutti questi.
Attilio era un figlio affettuoso, protettivo, vicino in ogni momento della nostra vita. E’ stato ucciso l’11 Febbraio del 2004 nella sua casa di Viterbo. Mancavano nove giorni al suo 35° compleanno. Lo hanno trovato disteso sul letto con il volto insanguinato, il setto nasale deviato, ecchimosi in tutto il corpo, ma soprattutto ai polsi ed alle caviglie. Il sangue aveva oltrepassato il piumone su cui Attilio era disteso ed era finito per terra formando una pozza di sangue.
Da subito sono iniziati i depistaggi. Il primario del reparto di Urologia dove Attilio lavorava assieme ad Ugo Manca (cugino, figlio dell’unico fratello di mio marito), ci ha impedito (affettuosamente) di vederlo, dicendo che era irriconoscibile, perché aveva il volto deformato dal telecomando su cui era caduto e che aveva lasciato un marchio sul viso. Ci hanno detto che Attilio era morto per aneurisma cerebrale. Ma in seguito, dalle foto della scientifica abbiamo visto che il telecomando era sotto l’avambraccio. Solo il giorno del funerale, il 14 Febbraio, abbiamo appreso che tutta la città di Barcellona Pozzo di Gotto diceva che Attilio era morto per droga. PERCHE’ CI HANNO MENTITO?
Abbiamo saputo che Attilio era morto in seguito a due iniezioni di eroina e che erano state trovate due siringhe. Non abbiamo creduto neanche per un istante che Attilio si fosse iniettato due dosi di eroina, perché non faceva uso di droghe. In seguito abbiamo anche appreso che i due buchi erano nel braccio sinistro, ma Attilio era mancino puro. Il 23 Febbraio siamo partiti per Viterbo per presentare una denuncia, facendo il nome di alcuni personaggi che a noi erano sembrati sospetti e fra questi c’era anche Ugo Manca. Dopo che sono state chiuse le indagini la prima volta, abbiamo appreso che nel bagno di Attilio c’erano le impronte di Ugo Manca e di altri quattro a cui non è stato dato un nome. Non c’erano le impronte di noi familiari che avevamo trascorso l’ultimo Natale con lui, né quelle degli amici che frequentavano la casa di Attilio.
Attilio è stato il primo in Italia, assieme al prof. Ronzoni, ad operare il cancro alla prostata per via laparoscopica, a soli 32 anni, al Policlinico Gemelli di Roma. Proprio a questo tipo di intervento fu sottoposto Bernardo Provenzano a Marsiglia, nell’Ottobre del 2003. Da Marsiglia proprio nel mese di Ottobre Attilio ci fece due telefonate, invitandoci a visitare la Costa Azzurra e dicendo che lui non aveva avuto tempo perché era stato impegnato in un intervento. Abbiamo chiesto alla procura di Viterbo di acquisire i tabulati, ma non lo ha mai fatto. Il giorno della sua morte, mio figlio mi telefonò alle 9.30 del mattino, chiedendo di far aggiustare la moto che si trovava nella casa al mare di Tonnarella (strana richiesta l’11 Febbraio per una moto che avrebbe adoperato ad Agosto). Dopo la sua morte abbiamo fatto controllare la moto: era funzionante, ma la telefonata è sparita dai tabulati.
In questi anni abbiamo subito delusioni, umiliazioni, sconfitte, ma abbiamo avuto anche qualche speranza. Le speranze sono state le dichiarazioni dei pentiti: Pastoia, Setola, Lo Verso, D’Amico, Lo Giudice. Io non so se arriveremo mai alla verità giuridica, ma la verità storica è sotto gli occhi di tutti. Posso solo affermare che non finirò mai di lottare, fino all’ultimo istante della mia vita.

Tratto da: abbraccioblog.wordpress.com

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa