Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Il giudice Imposimato: ''Il referendum è un colpo di Stato bianco''

Opinioni

Il giudice Imposimato: ''Il referendum è un colpo di Stato bianco''

ricca piero ferdinando imposimatoda torinoggi.it
“Il risparmio, come ha calcolato la Ragioneria dello Stato, è di appena 57 milioni di euro. Se si vuole le leggi si fanno in pochissimo tempo, lo abbiamo visto. Il problema è la qualità delle leggi, fatte da pessimi governi”

“Sono convinto che siamo di fronte a un vero colpo di Stato bianco, a una situazione di vero pericolo e sento un'ansia, un'angoscia dentro di me, perché purtroppo mi rendo conto che molti non l'hanno ben compresa la gravità del momento che stiamo affrontando. Una riforma vergognosa che umilia tutti noi”.

E' il “j'accuse” del presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione, Ferdinando Imposimato, invitato speciale alll'incontro pubblico sulle ragioni del “No” al referendum costituzionale, organizzato dal Movimento 5 Stelle (con il capogruppo settimese Massimo Del Vago) in una gremitissima sala consigliare di Settimo Torinese. Moderato dal noto blogger Piero Ricca, all'iniziativa sono intervenute le deputate Silvia Chimenti (Commissione Lavoro) e Fabiana Dadone (Commissione Affari Costituzionali), i sindaci Marco Bongiovanni (San Mauro Torinese) e Roberto Falcone (Venaria Reale) e il capogruppo regionale M5S, Giorgio Bertola.

Perché Imposimato che lo ricordiamo, si è occupato della lotta a Cosa Nostra, alla Camorra e al terrorismo, del rapimento Moro, dell'attentato al Papa, degli omicidi illustri Bachelet, Palma e Tartaglione e con un fratello, Franco Imposimato, ucciso dai camorristi nel 1983, definisce questo referendum un colpo di stato: “Perché – ha spiegato – queste due riforme, quella del Senato e quella della legge elettorale, l'Italicum, che riproduce gli stessi vizi della legge Porcellum, fanno sì che ci ritroviamo con una figura, il presidente del Consiglio, che riassume in sé poteri enormi a scapito degli organi di garanzia. Il pilastro della nostra Costituzione è la divisione e l'equilibrio dei poteri. Il presidente del Consiglio attraverso questa riforma cerca di assoggettare la magistratura, attraverso la scelta dei magistrati laici che compongono il Csm non più da maggioranza e opposizione, ma soltanto dalla maggioranza. Inoltre questo Parlamento è stato dichiarato illegittimo da una sentenza della Corte Costituzionale nel 2014 e può fare soltanto leggi costituzionalmente necessarie. L'unica cosa che la Corte ha detto che andava fatta è la riforma elettorale, che è stata fatta ma è peggio di quella di prima. Liste bloccate e premio di maggioranza sproporzionato. Una maggioranza conquistata alle urne che potrebbe rappresentare anche solo il 20% del corpo elettorale, conquista un premio ottenendo il 54% dei seggi della Camera dei Deputati, che sarà l'unico organo che potrà chiedere la sfiducia del governo”.

Poi Imposimato si è soffermato sull'abolizione del bicameralismo perfetto: “Il risparmio, come ha calcolato la Ragioneria dello Stato, è di appena 57 milioni di euro. Se si vuole le leggi si fanno in pochissimo tempo, lo abbiamo visto. Il problema è la qualità delle leggi, fatte da pessimi governi”.

Poi ha parlato a lungo dei legami del premier Matteo Renzi e dell'amico imprenditore e finanziatore della sua campagna, Marco Carrai con la discussa figura del faccendiere statunitense Michael Ledeen, che in passato era stato dichiarato persona sgradita all'Italia dal direttore del Sismi Fulvio Martini ai tempi della crisi di Sigonella, poi ritornato sulla scena durante la seconda guerra in Iraq e dei falsi dossier sulle armi chimiche di Saddam Hussein.

Tratto da: torinoggi.it

In foto: Piero Ricca e Ferdinando Imposimato

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IN NOME DEL FIGLIO

IN NOME DEL FIGLIO

by Jole Garuti

Il 6 agosto 1985 la mafia uccise a...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


IL LINGUAGGIO MAFIOSO

IL LINGUAGGIO MAFIOSO

by Giuseppe Paternostro

In che modo un'associazione che ha fatto del...

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...


FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...


UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca