Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Giancarlo Siani, una raccolta fondi per un murales che lo ricordi

Opinioni

Giancarlo Siani, una raccolta fondi per un murales che lo ricordi

siani muralesdi Beppe Giulietti
Il 23 settembre del 1985 la camorra uccideva Giancarlo Siani, il giovane cronista del Mattino di Napoli che, con le sue inchieste, aveva disturbato i loro traffici. La sua storia è stata raccontata attraverso le testimonianze dei familiari, a cominciare dal quotidiano impegno del fratello Paolo, dagli amici di sempre, dalla associazioni dei giornalisti, dal talento dalla creatività di chi lo ha voluto rappresentare anche con i linguaggi del cinema, del teatro civile, della musica.

In occasione del prossimo 23 settembre un gruppo di artisti, sostenuti dalla Fondazione animata da Paolo Siani, ha deciso di raccontare non la morte, ma la vita di Giancarlo, utilizzando il disegno e realizzando un murales, laddove era vissuto, in via Vincenzo Romananiello, al Vomero, a Napoli. A definire l’opera saranno gli “Orticanoodles“, alias Wally e Alita, a sostenere l’impegno anche l’Osservatorio Inward street art che ha già realizzato, tra gli altri, i murales di Ponticelli.

I soldi stanno arrivando da una raccolta pubblica, da una sottoscrizione popolare, “come sarebbe piaciuto a Giancarlo” ha puntualizzato Paolo Siani. Così, accanto agli impegni assunti dall’Ordine e e dal sindacato dei giornalisti della Campania, dal sindacato dei giornalisti della Rai e dalla Federazione della stampa, dall’Associazione Ossigeno e dai cronisti di alcune redazioni, non mancano i segnali arrivati da cittadine e cittadini, molti i giovani, che vogliono esserci, che non vogliono dimenticare per avere il diritto al loro futuro.

Questa è davvero una iniziativa che merita di essere promossa e aiutata, anche perché Paolo Siani e i suoi collaboratori hanno sempre voluto è saputo “usare” la memoria di Giancarlo per stimolare la passione civile, per incitare i giovani a riprendere quei valori di libertà e di legalità che avevano segnato la sua vita, pubblica e privata.

Chiunque volesse contribuire alla realizzazione del murale per Giancarlo può contribuire alla campagna di crowdfounding.

Tratto da: ilfattoquotidiano.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa