Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Libertà di informazione sempre più giù...

Opinioni

Libertà di informazione sempre più giù...

liberta informazione mascheradi Beppe Giulietti
Prosegue la discesa dell’Italia nei rapporti internazionali sulla libertà di informazione.
Su 180 nazioni prese in esame dalla prestigiosa associazione Reporters sans frontières, con base in Francia, l’Italia occupa la 77^ posizione rispetto alla 73^ dell’ultimo rapporto.
Il fondo della classifica vede, non a caso, nazioni quali la Turchia di Erdogan, l’Egitto di Al Sisi, l’Etiopia, la Cina, il Messico, le Filippine, la Siria.

Le ragioni che continuano a “condannare” l’Italia sono in parte strutturali ed in parte legate alla crescita delle minacce contro i cronisti che tentano di fare luce sulle “Periferie” del crimine, delle mafie, della corruzione. Le ragioni di lungo periodo sono legate alla mancata risoluzione del conflitto di interessi tra politica e media, non risolto dalla ipotesi di nuova legge, anzi aggravato dalla cosiddetta riforma della Rai che, non solo ha confermato il controllo politico sul consiglio di amministrazione, ma ha anche introdotto la figura dell’amministratore delegato indicato dal governo di turno.

A questo quadro si aggiungono le continue minacce di legge bavaglio, l’annunciata stretta sulle intercettazioni, la previsione del carcere per il reato di diffamazione e l’aumento dei casi di cronisti minacciati e costretti a vivere sotto scorta, almeno 50 secondo i dati forniti dall’associazione Ossigeno per l’informazione.
La relazione conclusiva preparata dalla commissione antimafia, e votata dai deputati, documenta centinaia di casi di intimidazione.

Le cosiddette “querele temerarie” rappresentano la vera arma impropria usata per intimidire editori e giornalisti.
Il governo e il Parlamento non hanno voluto contrastare un fenomeno o che, in Italia, ha assunto aspetti patologici, legati alla forte presenza della criminalità di stampo mafioso e alle collusioni con pezzi della politica e delle istituzioni.
Di fronte a questa emergenza e alla sostanziale riduzione del diritto di cronaca e dunque del diritto del cittadino ad essere informato, una parte della politica pensa di rispondere con una “Stretta” sulle intercettazioni che, evidentemente, disturbano di più rispetto alle minacce di mafiosi e corrotti contro la libertà di informazione.

Nei prossimi rapporti scenderemo ancora, ma basterà dare la colpa ai “gufi” o a qualche altro animale e tutto sarà risolto!

Tratto da: ilfattoquotidiano.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa