Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Gabriele Chelazzi, un magistrato che ha ridato dignità all’Italia

Opinioni

Gabriele Chelazzi, un magistrato che ha ridato dignità all’Italia

chelazzi gabriele web0di Giovanna Maggiani Chelli
Abbiamo ricordato il magistrato Gabriele Chelazzi, lo abbiamo fatto nell’aula bunker di Firenze dove si sono svolti i processi per le stragi del 1993. Non smetteremo mai di ricordare l’allora Vice Procuratore Nazionale Antimafia Gabriele Chelazzi, perché siamo fermamente convinti sia il magistrato che ha ridato dignità all’Italia quando ha fatto condannare il gotha di Cosa Nostra per le stragi del 1993, sette stragi in meno di un anno, episodio mai avvenuto nella storia d’Italia, prefiggendosi di lì a poco di consegnare alla giustizia e alle patrie galere i "concorrenti" esterni alla mafia per le stragi del 1993.
Concorso in strage, 20 anni di carcere secondo il codice, non l’ergastolo come a Riina ma il concorso in strage sì. E’ morto prematuramente, le cose non sono andate come lui ci aveva promesso, ma noi ricorderemo sempre il suo sforzo. Niente di particolare, solo il nostro dovere, ma dopo 13 anni dobbiamo constatare che quando si parla di Chelazzi il dovere di cronaca va a farsi benedire. Ieri le agenzie hanno battuto l’informazione sull’evento da noi voluto in Tribunale a Firenze, ma nessuno, proprio nessuno ha scritto una riga, neppure una parola sulle Tv locali, insomma il “basta non se ne può più di questi ricordi” è risultato chiaro e sembra quasi uno schiaffo.
Non ci scoraggeremo per così poco. Abbiamo la nausea sul dovere di cronaca che ogni giorno sale alla ribalta nei talk show: pensiamo a quanto è andato in onda con la trasmissione che ha dato spazio a Salvo Riina, condannato per associazione mafiosa, il figlio del boss Salvatore Riina condannato per le stragi del 1993; ebbene, in quel caso si è invocato il dovere di cronaca.
Quindi, nonostante un dovere di cronaca che dimentica personaggi illustri della storia italiana come Chelazzi per concedere visibilità ai mafiosi, noi continueremo a ricordare il magistrato che ascoltando più di 60 collaboratori di giustizia e mettendo insieme prove oggettive ha formato la prova penale per la condanna di uomini che volevano attraverso l’uso del tritolo far abolire il 41 bis e tanto altro ancora.
Collaboratori di giustizia che hanno versato fiumi di parole contro uomini di cosa nostra, ma che si sono chiusi come ricci quando è stato il momento di parlare di politici. Per questo ieri abbiamo usato l’espressione “pentiti a metà”, collaboratori che hanno detto a Gabriele Chelazzi tutto ciò che c’era da dire sui capi di Cosa nostra, ma non hanno fatto in tempo a verbalizzare con lui altri nomi per altri processi oltre la mafia. E, dopo di lui, il nulla.

Tratto da: ilfattoquotidiano.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa