Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Manfredi Borsellino: ''Offrire a Riina una ribalta in tv è uno schiaffo che riapre molte ferite''

Opinioni

Manfredi Borsellino: ''Offrire a Riina una ribalta in tv è uno schiaffo che riapre molte ferite''

borsellino manfredi c castolo giannini1L’intervista
di Enrico Bellavia
Per il figlio del giudice ucciso nel '92 proprio su ordine del capo di Cosa Nostra, la scelta di viale Mazzini "è incredibile"

Roma. "Mi verrebbe voglia di non dire nulla e non certo per reticenza. Perché questa storia ha dell'incredibile". Manfredi Borsellino, commissario di polizia, figlio del giudice Paolo ucciso nel 1992 proprio su ordine di Riina e soci, risponde cortese ma con malcelato fastidio. Ne nasce una conversazione che in più punti si avvita sulla convinzione che parlarne è già regalare vantaggio a chi non dovrebbe averne.

"Perché è proprio questo il punto, parlandone si rischia di fare proprio un favore a chi come il figlio di Riina è evidente che cerchi il massimo del clamore. Lui vende la sua merce ma il paradosso è che lo invitino a promuoverla".

Per dire del privato del clan familiare dei Riina?
"Io non mi scandalizzo più di tanto se il figlio di un feroce criminale, mafioso anche lui, voglia dire la sua, trovo incredibile che gli si offra una ribalta televisiva, per di più pubblica. Ognuno può avere le opinioni che crede. Ammetto pure che ci possa fare un libro, ma potere diffondere su larga scala l'idea che suo padre sia un eroe, ecco questo mi sembra semplicemente incredibile. È la promozione che crea il caso, con il risultato di accrescere un interesse che non ci sarebbe stato. Ecco perché penso che parlarne sia l'esatto contrario di quel che dovrei fare".

Interesse o no, questa vicenda la turba?
"In questi 24 anni ho assistito a talmente tante cose che ho maturato una scorza di disincanto, frutto della leggerezza che è tra le eredità che ho ricevuto da mio padre. Leggerezza non superficialità. Il figlio di Riina scrive un libro che può attizzare curiosità, non certo la mia, che ho ben altre curiosità, a partire dalla verità sul 1992. Non c'è alcun elemento di utilità che posso ricavarne. Non capisco però perché questo debba essere accolto con una tale enfasi da farlo diventare un caso. Qui è del mezzo che discutiamo. Poi ci sono tante altre considerazioni possibili".

Per esempio?
"Salvo Riina è lui stesso un condannato che ha espiato una pena per mafia. Non c'è alcuna presa di distanza. Anzi. Stando ai fatti è una persona che ha condiviso in pieno i disvalori del padre e dei suoi sodali. Che può veicolare il quadro da famiglia normale in cui privato e pubblico sono distinti e si tace del tutto del secondo. Ma ripeto, io riesco a guardare a tutto questo con distacco".

Per altri invece non è così, non crede?
"Sì, quella intervista riacutizza una ferita che non può mai chiudersi. E soprattutto da' l'immagine di un mondo sottosopra. Perché ciò che si dice non è secondario e non lo è neppure il mezzo attraverso il quale quelle cose si dicono e l'effetto che hanno. Tra noi familiari di vittime, come è normale, ci sono emotività e approcci diversi e rispettabili".

Vede l'intervista?
"Vedo la partita di Champions e la risolvo così: diciamo che ho un carattere che mi aiuta. Provo a immedesimarmi in chi ha un modo di vivere il proprio dolore in maniera diversa e allora capisco perfettamente che si tratta di uno schiaffo".


Tratto da: repubblica.it

Foto © Castolo Giannini

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa