Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Catania, la prima città senza Falcone

Opinioni

Catania, la prima città senza Falcone

falcone giovanni c shobha 2di Riccardo Orioles
A Catania, il 21 marzo viene festeggiato con un bel record: la prima città d’Italia a scacciare Falcone. Una recente sentenza del locale Tribunale ha infatti deciso che il reato di “concorso esterno in associazione mafiosa” (uno dei pilastri della giurisprudenza falconiana) in realtà non esiste. E di conseguenza ha prosciolto il famoso imprenditore-editore Mario Ciancio, di cui il procuratore Giovanni Salvi aveva elencato una serie impressionante di contatti con grandi e piccoli mafiosi, durante un arco di tempo di quasi quarant’anni.

Le difese di Ciancio sono state prese, fra gli altri, dal locale sindaco, il quale in Commissione Antimafia ha dichiarato di non sapere che fosse indagato (poco prima aveva dichiarato di ignorare i precedenti di un boss di cui aveva appena inaugurato il locale). Il vostro umile cronista, che si era permesso di protestare, è stato accusato dagli amici del sindaco… di essere manovrato da mafiosi nemici del “sindaco antimafia”.

Esclusi i “Siciliani” e pochi altri gruppi, l’omertà sull’eliminazione di Falcone a Catania è quasi totale, e comprende centrodestra, centrosinistra, destra-sinistra, associazioni in attesa di contributo, qualche centro sociale, e persino esponenti locali di Addiopizzo e Libera. Un dirigente di quest’ultima è stato appena scelto come responsabile del Comune per il “decoro urbano”.

Tratto da: ilfattoquotidiano.it

Foto © Shobha

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa