Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società La condanna-specchio del Belpaese

Opinioni

La condanna-specchio del Belpaese

ingiustiziaLa sentenza nei confronti di Luciano Mirone in un Paese di impuniti
di Lorenzo Baldo
La recente condanna per diffamazione del collega Luciano Mirone rispecchia l'immagine di un Paese che è sempre di più al contrario. Anche - e soprattutto - nel mondo dell'informazione. La decisione del Giudice monocratico della Quarta sezione penale del Tribunale di Catania di comminare al collega una provvisionale - immediatamente esecutiva - di 10mila euro quale risarcimento per la parte civile rappresenta una scelta ben precisa. Che sembra mirare al solito refrain “colpirne uno per educarne cento”. Al di là del fatto che il dott. Domenico Stilo può aver ritenuto diffamatorio l'articolo di Mirone, è una sentenza che stride fortemente in un Paese di impuniti dove un ex procuratore generale di Messina come Franco Cassata viene condannato alla cifra “stratosferica” di 800 euro per diffamazione, pur essendo stato riconosciuto come il “corvo” che aveva cercato di sommergere nel fango l’immagine del professor Adolfo Parmaliana con un losco dossier anonimo meno di un anno dopo il suicidio di quest'ultimo.

Siamo un Paese dove chi vuole rendere onore al mestiere di giornalista, seguendo l'impronta di uomini come Pippo Fava, viene messo a tacere a suon di querele a quattro zeri. Resta il dubbio che, anche in questo caso, la querela non riguardi solo l'articolo in questione. Sembra piuttosto che si voglia far pagare il conto al giornalista per aver avuto il coraggio di scrivere in questi anni su tanti casi a dir poco spinosi. E il problema allora non riguarda solo Luciano Mirone, ma chiunque, in questa Italia a “larghe intese”, abbia ancora a cuore questo mestiere. Che, come diceva il direttore de I Siciliani, se fatto con spirito di servizio e di verità, può rappresentare “la forza essenziale della società”.

ARTICOLI CORRELATI

Mirone, Papale e quella querela contro la libera informazione

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa