Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Caro Cantone, ora lei parla un’altra lingua

Opinioni

Caro Cantone, ora lei parla un’altra lingua

cantone-raffaele-3di Luisella Costamagna - 27 giugno 2015
Caro Raffaele Cantone, lei dice “la mia storia parla per me”. Vero: grande magistrato anticamorra, è insieme orgoglio, garanzia e baluardo di legalità nel nostro paese martoriato dal malaffare. Le arrivi il nostro sincero e convinto grazie.
Da quando però ha cominciato a collaborare con la politica – prima come componente della Commissione che doveva elaborare proposte anticorruzione per il governo Monti, poi nella task force sulla criminalità organizzata di Letta, infine (e soprattutto) come presidente dell’Autorità nazionale Anticorruzione nominato da Renzi – sembra aver cominciato a parlare un’altra lingua.

LEGGE SEVERINO: sicuramente avrà pesato anche il suo parere nell’elaborazione della legge, che infatti lei difese quando si decise la sospensione dalla carica per la condanna in primo grado per abuso d’ufficio del sindaco de Magistris (“misure conformi alla Costituzione” e “corretta applicazione della sospensione”, disse nel dicembre 2014). Come mai adesso che a essere sospeso sulla base delle stesse norme (e della stessa condanna) deve essere De Luca, propone – con più realismo del Re Renzi, che martedì ha annunciato la sospensione – 25 “miglioramenti” necessari? Cosa possono pensare gli italiani già frastornati – e che si fidano di lei – quando la sentono bollare la lista degli impresentabili della commissione Antimafia come “grave passo falso”?
Lingua duplice, la sua, anche sulla responsabilità civile dei magistrati: “Nell’87, al referendum, votai no. Ora sono favorevolissimo”, ha detto. Anche qui resta da capire come mai non andava bene allora e va bene oggi, che con Renzi è diventata legge.

Poi c’è la legge anticorruzione: “Ritorna il falso in bilancio, introdotta attenuante x chi collabora, rafforzati i poteri Anac. Bene così!”, ha twittato raggiante il 21maggio, all’approvazione. Peccato che, alla prima applicazione, il nuovo falso in bilancio si sia dimostrato più morbido di quello di Berlusconi, cancellando anche quel poco che era rimasto (e pure la condanna per bancarotta dei fratelli Crespi). Possibile che un esperto come lei non si sia accorto d ell’ennesima “manina”?
Infine, i rapporti tra mafia e amministrazioni locali: a ottobre proponeva addirittura di “estendere lo scioglimento dei consigli comunali anche alle regioni”, poi però a dicembre Mafia Capitale e lei ha cominciato a frenare: “La norma sullo scioglimento è nata per i piccoli Comuni. Bisogna dimostrare che il livello d’infiltrazione è all’interno della macchina comunale”. E oggi che, con la seconda ondata, l’“inquinamento” sembra evidente, al punto che il sindaco Marino e il commissario del PD romano Orfini sono stati messi sotto scorta, e tutti si aspetterebbero da lei parole scandalizzate e nette, dice che il commissariamento della Capitale “è un’ipotesi complicata”. Un po’ come Renzi, che infatti lo esclude.

CARO CANTONE, la politica – ormai lo sa bene – è un ginepraio, da cui non ci aspettiamo parole di verità. Da lei sì. Non sa come uscirne o non vuole? A forza di fare da sigillo di garanzia di tutti i prodotti a marchio Renzi, anche quelli che paiono avariati, non rischia di compromettere la sua – ancora indiscutibile – credibilità?
Un cordiale saluto.

Tratto da: Il Fatto Quotidiano del 27 giugno 2015

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa