Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società "Una rete per agevolare la latitanza di Dell’Utri"

Opinioni

"Una rete per agevolare la latitanza di Dell’Utri"

dellutri-marcello-big3di Guido Ruotolo - 10 maggio 2015
Roma.
Sapeva. Nulla a che vedere con il «non poteva non sapere». Silvio Berlusconi sapeva che l’ex parlamentare reggino Amedeo Matacena, condannato per mafia, dagli Emirati Arabi stava per trasferirsi a Beirut. E, naturalmente, era anche consapevole che il suo collaboratore di sempre, Marcello Dell’Utri, voleva entrare in clandestinità, si fa per dire, anche lui a Beirut, condannato in via definitiva per i suoi rapporti con Cosa nostra.
La procura di Reggio Calabria sta valutando di sentire come persona informata dei fatti proprio Silvio Berlusconi. Non solo lui. L’ipotesi investigativa è quella dell’esistenza di una struttura in grado di garantire la latitanza all’estero di personaggi importanti di un certo orientamento politico.

È la tesi anche del gip di Reggio, Olga Tarzia, nella sua ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Vincenzo Speziali, nipote di un ex senatore del Pdl che ha sposato una nipote dell’ex presidente del Libano, Amin Gemayel, capo delle Falangi cristiano-maronite. Speziali è accusato di aver garantito la latitanza di Matacena. «Siamo di fronte a un comportamento allarmante in ragione degli evidenziati elementi di analogia tra le due vicende, Dell’Utri e Matacena - scrive il gip - e la sicura esistenza di una rete di rapporti e basi logistiche in grado di supportare la condizione di latitanza di soggetti la cui notorietà, per il contesto politico di provenienza, è tale da richiedere entrature e condivisione di interessi ad alti livelli».
Berlusconi. Non solo. In questa inchiesta è già indagato l’ex ministro dell’Interno Claudio Scajola, uno dei protagonisti di quel «sistema ancora non messo interamente a nudo», per dirla con il gip di Reggio Calabria, che «opera nell’ombra e sostiene interessi economici e imprenditoriali illeciti, frutto di intese e cointeressenze coinvolgenti svariati settori».
L’inchiesta del pm reggino Giuseppe Lombardo era partita sul riciclaggio della potente cosca dei De Stefano. Si era imbattuta sulla Lega Nord del cassiere Francesco Belsito e aveva poi incrociato Claudio Scajola. Gli investigatori calabresi hanno deciso di non fermarsi ancora.

Tratto da: La Stampa del 10 maggio 2015

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa