Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Camorra. Sandro Ruotolo sotto scorta. Minacce di morte da boss in carcere

Opinioni

Camorra. Sandro Ruotolo sotto scorta. Minacce di morte da boss in carcere

zagaria-michele-effda notiziario. ossigeno.info - 5 maggio 2015
Michele Zagaria intercettato chiede di squartarlo. All’origine delle minacce l’intervista del ‘pentito’ Carmine Schiavone. L’ombra di una “trattativa”.

Il giornalista di Servizio pubblico Sandro Ruotolo è sotto scorta dei carabinieri che lo proteggono dopo le minacce di morte del capo del clan camorristico dei Casalesi, Michele Zagaria, che si trova in carcere in regime di isolamento. La scorta è stata assegnata dal prefetto di Roma, Franco Gabrielli, con provvedimento d’urgenza, in attesa che il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza si riunisca e adotti formalmente la decisione. Michele Zagaria, intercettato in carcere, dice: “‘O vogl’squartat’ viv'”. La notizia dell’assegnazione della scorta è stata resa nota il 5 maggio 2015 dal sito web del talk show in onda su La7.

All’origine delle minacce, c’è il reportage di Servizio pubblico sull’inquinamento da rifiuti tossici nella cosiddetta Terra dei Fuochi, trasmesso su La7 il 29 dicembre 2013. Durante quella puntata fu mandata in onda, fra l’altro l’intervista di Ruotolo a Carmine Schiavone, camorrista divenuto collaboratore di giustizia e testimone d’accusa e deceduto a febbraio del 2015.

“Ci sono tracce recenti di rapporti tra Zagaria, quando era latitante, e i servizi segreti. Ma parliamo degli anni Duemila”, dice il giornalista in uno dei passaggi dell’intervista, per sollecitare Schiavone a parlare. “Non ti posso dire più niente. Lo saprai al momento opportuno”, è la risposta di Schiavone.

“Sulla vicenda – ha commentato Lirio Abbate sul sito web dell’Espresso – il pool di magistrati anticamorra di Napoli sono già a lavoro per fare luce su queste minacce. Da quanto si apprende da ambienti giudiziari, Zagaria da diversi mesi appare in cella molto nervoso, forse perché è messo sotto pressione dalle numerose inchieste che lo riguardano.

In particolare, come aveva già raccontato sul Mattino la giornalista Rosaria Capacchione, oggi senatrice Pd, Zagaria potrebbe essere coinvolto in una possibile trattativa sui rifiuti. Capacchione ha documentato incontri segreti, tra il 2007 e il 2009, tra il potente boss, allora latitante, Michele Zagaria o un suo emissario, uomini dei servizi segreti deviati, e delegati del commissariato. Vertici che sarebbero stati finalizzati a subappalti in cambio del silenzio per la realizzazione di siti di smaltimento. Domande e circostanze ancora senza risposta a cui anche Sandro Ruotolo ha tentato di dare una lettura di questi fatti con un servizio mandato in onda proprio da Servizio Pubblico“.

Ossigeno esprime solidarietà a Sandro Rutolo, che ha già subito gravi minacce. Nell’ottobre del 2009, mentre svolgeva una inchiesta sui rapporti tra mafia e Stato, dopo aver intervistato Massimo Ciancimino, aveva ricevuto una lettera minatoria con minacce di morte. Nel 2013, quando era candidato alle elezioni politiche e alle elezioni regionali del Lazio pe rla lista “Rivoluzione civile”, nel corso della campagna elettorale, al termine di un dibattito televisivo rifiutò di stringere la mano al candidato di CasaPound Simone Di Stefano, dichiarandosi “orgogliosamente antifascista”. Tre giorni dopo, l’11 febbraio, durante un’iniziativa elettorale a Civita Castellana (Viterbo) alcuni militanti di CasaPound fecero irruzione nella sala con un megafono e uno striscione con la scritta “Ruotolo maleducato.

ASP

Tratto da: notiziario.ossigeno.info

ARTICOLI CORRELATI

Il boss Zagaria minaccia Sandro Ruotolo: il giornalista è sotto scorta

Il mio abbraccio a Sandro Ruotolo, da oggi sotto scorta
di Antonio Ingroia

Sandro Ruotolo è sotto scorta. Il capo dei Casalesi Michele Zagaria: “'O vogl' squartat' vivo” - Video

Camorra, scorta al giornalista Sandro Ruotolo minacciato di morte dal boss Zagaria
di Lirio Abbate

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa