Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Scuola Diaz, la mattanza vista da Franca: 'In Fuga dal Senato'

Opinioni

Scuola Diaz, la mattanza vista da Franca: 'In Fuga dal Senato'

diaz-dipinto-dariofodi Dario Fo - 9 aprile 2015
Prologo tratto dal testo: “In Fuga dal Senato”, di Franca Rame.

A Genova è successo il finimondo, ma il programma di chi ha in mano lo spettacolo è di gran lunga più ambizioso. Ed è qui che la centrale della polizia diretta dal ministro Fini – ve lo ricordate?! – mette in atto il piatto forte dell’abbuffata, che si chiama Bolzaneto e scuola Diaz. Nella prima, che è una caserma, vengono scaricati tutti i fermati durante i tafferugli. Si saprà dopo che molti di loro verranno malmenati e sottoposti a violenze fisiche e morali, a cominciare dalle donne, che vengono costrette a spogliarsi nude nei corridoi per il solito tendenzioso controllo. E chi si permetteva di ribellarsi a quella provocazione riceveva la solita razione di bastonate e veniva costretto a ritornare chino con la schiena curva e il capo rivolto a terra mentre ai glutei era imposta una posizione indegna.

Franca inizia dicendo:

“Al mattino avevo saputo da un medico dell’ospedale che nella notte, alla scuola Diaz, si era perpetrato un vero e proprio massacro. Al piano superiore si erano sistemati per la notte alcuni giornalisti e fotografi, in maggioranza stranieri, e anche qualche ragazza armata di sacco a pelo. Era già tardi e tutti gli ospiti più o meno si erano addormentati. Un urlo e come furie entrano poliziotti dei reparti mobili di Genova, Roma e Milano e cominciano la mattanza. Ricordo che, qualche giorno dopo, un dirigente della centrale romana davanti allo spettacolo che gli si mostrava esclamò: «Ma questa è una macelleria messicana!». Quando seppi di questo massacro mi feci accompagnare dal medico stesso alla scuola in questione. Fummo bloccati da un servizio di controllo della polizia. Il mio accompagnatore estrasse le credenziali aggiungendo: “Sono il medico di servizio” e ci fecero passare. Salimmo al piano superiore e ci trovammo di fronte a uno spettacolo da incubo. Per terra c’erano pezzi di videocamere, macchine fotografiche distrutte, zaini e resti d’abiti lacerati e soprattutto sangue. Macchie rossastre sulle pareti prodotte da corpi gettati con violenza contro quei muri. Schizzi di sangue perfino sul soffitto e strisce di sangue calpestate, di cui si poteva leggere perfino il passo e la forma delle scarpe”.

Tratto da: ilfattoquotidiano.it

Foto: ‘Massacro alla scuola Diaz’, dipinto di Dario Fo

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa