Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Auguri Letizia Battaglia, la Vedetta di Palermo

Opinioni

Auguri Letizia Battaglia, la Vedetta di Palermo

battaglia-letizia-c-francesco-caravigliadi Saverio Lodato - 5 marzo 2015
Compie oggi 80 anni la grande fotografa che meglio di chiunque altro ha raccontato per immagini il volto profondo della Sicilia e di Cosa Nostra
Alla fine del nostro colloquio, ieri mattina, a casa sua, a Palermo, mi fa due regali. Una scelta di bellissime foto di Pier Paolo Pasolini, oggi esposte al “Centro studi Pier Paolo Pasolini” a Casarsa della Delizia. Lei le scattò nel 1972: “Io – dice – non conoscevo ancora Pasolini, ma lo amavo. E lo amavo perché detestavo tutti quelli che lo odiavano. E quando riuscii a scovarlo al Centro Turati, in Via Brera, a Milano, in un dibattito rovente sul suo film I racconti di Canterbury, non mi lasciai sfuggire l’occasione di ritrarlo. Ancora non facevo la fotografa”. Poi, si mette al pc e va alla voce “Piersanti Mattarella”. E mi mostra l’intera sequenza di quel tremendo 6 gennaio del 1980, in cui un giovanissimo Sergio Mattarella, futuro presidente della Repubblica Italiana, soccorre il fratello agonizzante intrappolato nell’auto crivellata dai colpi. Una sola è la foto che lei ha pubblicato e che ha fatto il giro del mondo. Ma ne ha un’altra dozzina, inedite, con le quali sta pensando di fare una pubblicazione interamente dedicata al presidente della Regione siciliana assassinato.

Nel frattempo, parla. Parla, e ricorda. E fa le sue domande, mentre risponde. Che fiume in piena che è Letizia Battaglia che oggi compie 80 anni. E che vuol cominciare parlando di Cinzia, Patrizia e Shobba, le sue tre figlie. E che – mi informa con i suoi occhioni dolcissimi – , sta diventando “persino bisnonna”. E mentre lo dice è la rappresentazione vivente della felicità.

È tornata di mattina presto da Milano, dopo essere stata a Bergamo, per una mostra che le hanno dedicato: “Mi viene incontro una signora, mi abbraccia e scoppia in lacrime: ‘Letizia’, mi dice, ‘lei mi fotografò a Palermo 30 anni fa’. Io non me ne accorsi e non sapevo chi fosse. Poi mi ritrovai in un suo libro . E mi racconta che ormai vive a Bergamo... miracoli del destino fotografico”. Ricorda il processo di Catanzaro, quando tremò di paura alla vista di Luciano Liggio – “Aveva uno sguardo fulminante” e la foto in bianco e nero venne un po’ mossa. Ricorda il calcio che le rifilò il killer corleonese Leoluca Bagarella. Ricorda quella mattina, quando si ritrovò sul pianerottolo cinque uomini della Dia che chiesero di entrare per visionare il suo archivio: “Con piacere, risposi. E il capo squadra: ‘Signora Battaglia, con piacere o senza piacere, noi abbiamo un mandato’. ‘Ma almeno ditemi che devo cercare’. ‘Democrazia cristiana e Socialisti’, fu la risposta. Restarono in casa per 10 ore. Tutti muniti di lenti di ingrandimento, esaminarono migliaia di negativi. Alla fine ne presero una cinquantina. Chiesi timidamente: ‘Vi sono stata utile?’. ‘Sì’ dissero, finalmente sorridendo”. Il motivo c’era, ma lei non lo sapeva. Avevano trovato la “foto regina” di Giulio Andreotti insieme a Nino Salvo: la prova processuale che Andreotti aveva mentito negando di conoscere i Salvo, i cugini mafiosi di Salemi: “Avevo fotografato Andreotti, ma non sapevo proprio chi fosse questo Nino Salvo accanto a lui... incredibile”. E fu, anche questa, foto che fece il giro del mondo.

Click to enlarge image 001.jpg

La bambina e il raggio di sole © Letizia Battaglia


Ricorda di quando Giovanni Falcone la volle conoscere. Ricorda quel 16 settembre del 1970, quando rapirono Mauro De Mauro, il giornalista del quotidiano L’Ora di Palermo: “Ero al giornale per consegnargli le mie foto, avendo già iniziato la collaborazione. Ma De Mauro lo attendemmo invano. Molto più tardi sapemmo quello che era accaduto”. E De Mauro non fu mai ritrovato.

Ricorda Ezra Pound. Ricorda Pina Bausch. Ricorda Jerzy Grotowski. Mi parla di Santi Caleca e di Franco Zecchin, entrambi noti fotografi, uomini molto importanti nella sua vita. E del regista teatrale Michele Perriera, o dell’analista Francesco Corrao. Parla degli anni della primavera di Palermo, quando fu “assessore alla vivibilità” – fra il 1986 e il 1990 – nelle prime giunte di Leoluca Orlando, il sindaco cui vuole un gran bene. E che forse, proprio oggi, in occasione del suo compleanno, le farà il gran regalo di annunciare che ai Cantieri culturali della Zisa, a Palermo, sarà aperto quel grande spazio dedicato alla fotografia per il quale lei si è sempre battuta.

Dal libro del profeta Isaia: “Va’, sii la Vedetta Notturna. Quello che vedi grida”. Questo è stata Letizia Battaglia: una Vedetta Diurna e Notturna. Altra definizione non saprei trovarla. La storia di questa “Vedetta” è stata raccontata mille volte. Improbabile che un giornale al mondo, almeno una volta, non abbia mostrato una sua foto. Ha ricevuto premi e riconoscimenti prestigiosi, pubblicato tantissimi libri. E se ne va ancora in giro per l’Italia a incontrare gli studenti nelle scuole, gli insegnanti.

Letizia, infatti, è stata amata ed è amata, dalle persone perbene. È stata odiata, ed è odiata, dai boss e dai criminali, perché ne mostrava le facce feroci e lo sguardo cattivo, quando finivano in manette; e perché, una volta immortalate, quelle facce sarebbero rimaste agli atti, trasferite di peso alla memoria e al giudizio dei posteri. E in tal senso, fotograficamente parlando, si può ben dire che uno scatto di Letizia Battaglia sia parola di Cassazione. Immagini inappellabili, appunto.

Non si separa mai da una macchina fotografica, – leggerissima, perché non occorrono mastodonti d’acciaio per far belle foto – perché vuole essere sempre pronta, giorno o notte che sia, a far la sua parte; a cliccare su tutto quello che le passa davanti; perché così ha sempre fatto, perché questo sa fare, convinta come è questo sia un mondo troppo bello e troppo balordo perché non ne si lasci traccia. Da quando aveva 37 anni – “Ma all’inizio sognavo di riuscire a vivere scrivendo”, ricorda – fotografare è stato il suo modo di aiutare gli altri, spingendoli a interrogarsi, a riflettere, facendoli vergognare, se necessario, con immagini dure, violente, inappellabili. Tantissime altre volte, invece, cavando il bello dove nessuno si sognerebbe mai di andarlo a cercare.

Guardate gli occhi dei “suoi” bambini, e lo capirete. E lo ha fatto a Palermo. Lo ha fatto nella città più martoriata e più cinica. Lo ha fatto nella città che conosce a meraviglia l’arte di chiudere gli occhi per non vedere e di tenere a freno la lingua per non parlare. Lo ha fatto nella città che non ha mai spalancato autostrade alle donne che volessero risvegliare la sua coscienza incartapecorita. Lo ha fatto a Palermo, dove per molti l’ideale sarebbe vivere e morire, – meglio ancora: vivere, uccidere e morire –, senza testimoni fastidiosi, che tolgono le bende alla mummia facendola apparire per quello che è.

Qualcuno potrebbe forse negare che è stata proprio Letizia Battaglia ad aver mostrato al mondo cosa era ed è – davvero – Palermo? Mi spiace solo di non essere riuscito a metter dentro tutto quello che mi ha raccontato. Ci saranno altre occasioni. Auguri Letizia.

Tratto da: Il Fatto Quotidiano del 5 marzo 2015

Foto © Francesco Caraviglia

ARTICOLI CORRELATI

Letizia Battaglia: una ragazza di 80 anni che non smette di lottare

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa