Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società "Solidarietà a Ingroia e alla famiglia Manca"

Opinioni

"Solidarietà a Ingroia e alla famiglia Manca"

2di Salvatore Borsellino - 27 novembre 2014
Apprendo con vero sconcerto dell’avviso di garanzia indirizzato ad Antonio Ingroia, accusato di calunnia nei confronti dei magistrati della procura viterbese per averli accusati di “depistaggi, inerzie e coperture” a seguito delle conclusione delle indagini per la morte di Attilio Manca.
Non posso non pensare alla famiglia di Attilio che, piuttosto che avere Giustizia e vedere conclamata la Verità sulla morte del proprio congiunto, lo ha visto uccidere per la seconda volta attraverso l’accusa di essere un tossicodipendente e di essersi dato la morte da solo con una overdose di eroina, alcol e barbiturici.
Questo nonostante l’assoluta evidenza di indizi contrari a tale ipotesi, le tracce ematiche sugli arti, il setto nasale rotto, il sangue fuoriuscito abbondantemente dalla bocca e dal naso, la siringa usata con la mano destra da parte di Attilio che era invece un mancino puro.

Indizi, questi, fondamentali per ipotizzare un assassinio mascherato da suicidio e non presi invece assolutamente in considerazione dalle indagini della procura viterbese.
A chiunque, a fronte della superficialità delle indagini e delle anomale conclusioni dei queste ultime, verrebbe da pensare ad “inerzie e coperture” e potrebbe ipotizzare un "depistaggio" e in tal senso vanno le dichiarazioni di Antonio Ingroia, avvocato di parte civile della famiglia Manca insieme a Fabio Repici, ma piuttosto che la riapertura delle indagini, dopo che la sola accusa aveva riguardato la presunta spacciatrice della droga, accusa peraltro caduta in prescrizione, arriva l’iscrizione di Antonio Ingroia nel registro degli indagati per calunnia. Anche se da profano, giudico che questo non sia ammissibile e non abbia precedenti nei confronti di un avvocato per affermazioni fatte relativamente ad un processo.
Pensare ad un depistaggio peraltro non risulta difficile dato che dietro tutta questa vicenda aleggia l’ombra di Provenzano, quello stesso Provenzano di cui per anni, soprattutto dopo l’avvio della seconda fase della trattativa che era costata la vita a Paolo Borsellino, fu protetta la latitanza.
Quello stesso Provenzano che Attilio Manca, urologo che nonostante la giovane età era internazionalmente noto per le tecniche applicate, era stato probabilmente chiamato ad operare alla prostata a Marsiglia.
Non posso non manifestare tutta la mia solidarietà ad Antonio Ingroia e, in particolare, a tutta la famiglia Manca, cui sono legato da un sincero e profondo affetto
Come loro per la morte del loro congiunto da anni cerco Verità e Giustizia per la morte di mio fratello.
Per Attilio cercano di far passare per suicidio quello che è chiaramente un assassinio, per Paolo cercano di far passare per strage di mafia quella che è sicuramente una strage di Stato.

Tratto da: 19luglio1992.com

ARTICOLI CORRELATI

Caso Manca: Ingroia indagato per calunnia

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa