Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Non demonizzare i corpi intermedi

Opinioni

Non demonizzare i corpi intermedi

tranfaglia-nicola-web5di Nicola Tranfaglia - 16 novembre 2014
Chi ha studiato a lungo i classici del pensiero umano ,e i Greci in particolare, da Socrate a Platone senza dimenticare Aristotele, non può dimenticare che, senza la presenza nelle imprese come negli enti territoriali, dei corpi intermedi che costituiscono in ogni ente un corpo necessario alla loro vita, è difficile uscire in maniera positiva dall'attuale crisi della società civile.

Lo ha detto con la solita chiarezza Giuseppe De Rita oggi su uno dei più diffusi quotidiani della penisola e non ho esitazioni a dire che sono d'accordo.
"Un crinale di disfatta-ha osservato tra l'altro il Presidente del Censis- si potrebbe dire, rispetto a un'autorità di governo e a una comunicazione di massa che hanno rilanciato con forza il primato della politica e dello Stato (e dello Stato centrale) su tutti i livelli e tutti i soggetti intermedi. Il vento è cambiato rispetto ai decenni precedenti quando tutti scommettevano sulla maggiore vitalità della cosiddetta società civile. Questo ritorno, quasi la rivincita del primato della politica, è per molti aspetti liberatorio perché annuncia e promette  una fase nuova di quel perseguimento del nuovo che è la costante tentazione delle temporanee élite del nostro Paese. "
De Rita ricorda ai banditori del nuovo che "i periodi di nuovo inizio si trovano sempre a doversi radicare nella realtà degli interessi, dei bisogni, delle aspettative della gente e che quindi, prima o poi  dovranno "applicarsi a ricostituire le cinghie di trasmissione tra le domande collettive e la volontà politica, cioè con parole antiche, i meccanismi della rappresentanza." Parole chiare e necessarie, ad avviso di chi scrive, in un momento in cui si ha una crescente difficoltà e non  una maggiore facilità ad uscire dall'ubriacatura populista che ha segnato l'ultimo ventennio della storia repubblicana, disponiamo di un governo  caratterizzato da intese così larghe del binomio Renzi-Berlusconi che potrebbe passarci in mezzo un elefante e l'unico tema che negli ultimi anni ha affascinato me come studioso del passato, influenzato a fondo da Gramsci e Rosselli, è stato quello di studiare la tara populista nella nostra storia. In questo senso la riflessione di De Rita è centrale e mi auguro francamente di non essere il solo a notarlo in questa grigia giornata di novembre.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa