Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Re Giorgio non si deve sentire

Opinioni

Re Giorgio non si deve sentire

napolitano-radio-radicale-audio-audizioneRespinta la richiesta di Radio Radicale di trasmettere la testimonianza sulla mafia
di Giuseppe Lo Bianco - 11 novembre 2014
Nessuno ascolterà la voce di Giorgio Napolitano ricostruire la sua verità sui passaggi più oscuri dell’ultimo ventennio italiano. Nessuno sentirà l’inflessione, le pause, i rimbrotti, i tentennamenti o i toni sicuri (se ve ne sono stati) e nessuno potrà agganciarli alle domande rivoltegli nel corso dell’udienza nella Sala Oscura del Quirinale per arricchire dell’elemento sonoro la propria opinione.

LA CORTE DI ASSISE di Palermo presieduta da Alfredo Montalto ha respinto l’istanza presentata da Radio Radicale per ottenere (e trasmettere) l’audio dell’udienza del processo della trattativa Stato-mafia, svoltasi lo scorso 28 ottobre al Quirinale. L’istanza era stata presentata l’indomani dell’udienza quirinalizia dall’emittente di Pannella che era già stata autorizzata dalla Corte a tramettere in diretta il processo, come del resto fa con tutti gli altri processi di rilevante entità e con i lavori di Camera e Senato (per questo suo preziosissimo servizio riceve congrui contributi dallo Stato). Ma la corte l’ha bocciata perché la richiesta non è “attinente all’autorizzazione a suo tempo rilasciata in favore dell’istante”. Ritenendo, evidentemente, di natura diversa le udienze svolte nell’aula bunker e quella celebrata nella Sala del Bronzino, meglio conosciuta come Sala Oscura. In quell’occasione la voce di Napolitano era stata ascoltata solo dai giudici, dai pm e dagli avvocati presenti e dai tecnici del Quirinale ai quali è stata affidata la fonoregistrazione dell’udienza, poi messa a disposizione della corte. Che l’ha affidata a una società palermitana che in tre giorni ha completato il lavoro di sbobinatura e di trascrizione depositando il verbale di 86 pagine. “Chi meglio di Radio Radicale, con tanto di quarantennale tradizione può dare ampia, integrale e fedele informazione e diffusione senza filtro alcuno di quella storica testimonianza raggiungendo ben più ampio spettro “d’opinione pubblica”? – scriveva l’emittente sul sito glistatigenerali.com, chiedendo alla Corte presieduta da Alfredo Montalto
   di esprimersi su quell’istanza – liberare quella straordinaria voce in ostaggio – peraltro di un pubblico esame in pubblico processo – sarebbe solo un laico gesto di buon senso: e nulla più”.

Tratto da: Il Fatto Quotidiano dell'11 novembre 2014

Le recensioni di AntimafiaDuemila

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...


THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...

LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa