Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società Il regno delle Due Italie

Opinioni

Il regno delle Due Italie

i-siciliani-giovani-n22Scarica il nuovo numero de "I Siciliani"
di Riccardo Orioles - 1° novembre 2014

Raramente questo Paese è stato così diviso com’è ora. Non c’entra la geografia e manco la politica, che a questo punto è rimasta molto indietro. La spaccatura è secca e bruta, alla Bava Beccaris, fra una plebe e una Corte. Disoccupazione al 12,5 per cento, ma “in netto rialzo Piazza Affari”. Persi, fra i 25 e i 34en­ni, due milioni di posti di lavoro: ma non scemano affatto i con­sumi di lusso. Siamo, teoricamente, al terzo governo “risolutivo” ma la governanza reale, in realtà, è da tempo passa­ta in altre mani.

Le manganellate di Roma sono, in questo contesto, il punto di svolta. Non che sia successo nulla di straordinario: negli anni Cinquanta la polizia di Scelba picchiava abbastanza spesso gli operai. E’ che eravamo convinti di essere nel 2014, fra tweet, telefonini, economie planetarie e lìder sofisticati e volitivi. Inve­ce siamo proprio negli anni Cinquanta, con gli operai e i padro­ni, nonché i disoccupati e gli emigranti (che ormai sono di nuo­vo di più, dopo un secolo, degli immigrati).

due-italie-oriolesGli operai, i padroni, i ricchi, i poveracci, il manganello: vede­te che linguaggio arcaico, proprio vetero-coso? La colpa però non è mia, è delle cose. Nel medioevo sociale che stiamo attra­versando non potete ormai pretendere altre parole. L’Europa, l’euro, i peppegrilli, i leopoldi son roba da fantascienza, da post-Duemila. Nel nostro mondo reale – che con stampa e tv non c’entra un fico: e anche questo fa molto anni ’50 – siamo ancora alle prese coi borboni. E come ci vorrebbe un Garibaldi!

Le Due Sicilie si son molto allargate (senza peraltro riuscire a diventare Europa): Milano è la Catania del nord e Reggio Emilia è sulla Sila; Torino è finita a Detroit e a Firenze su’ Altezza il Granduca, uomo di mondo, ammonisce i cortigiani che “ci vole l’orologgio, oggimai, ‘un gli è più tempo di clessidre! S’è mica meno moderni deì giacobbini!”.

(Applausi, manganellate sul pubblico e sipario)

Tratto da: isiciliani.it

SCARICA Il nuovo numero de I Siciliani

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa