Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Opinioni Società La morte di Orlando

Opinioni

La morte di Orlando

orlando federico2di Nicola Tranfaglia - 10 agosto 2014
Abbiamo perduto una persona per bene, un intellettuale democratico e onesto, che ha lavorato in maniera coerente per la democrazia repubblicana nella forma che il dettato costituzionale ha consegnato, tramite l’assemblea costituente, il primo gennaio 1948 alle generazioni future. Si chiamava Federico Orlando ed era nato il 13 ottobre 1928 nel paese abruzzese di San Martino in Pensilis. Collaboratore e poi redattore  del quotidiano Il Messaggero, quindi a Il giornale d’Italia con uno dei migliori giornalisti italiani, il toscano Indro Montanelli che, quando aveva rotto con l’imprenditore di Arcore, lo aveva voluto con sé come condirettore a La Voce nel 1994-95.

Eletto deputato in Molise nel 1996  dal Partito dei Democratici di sinistra era quindi passato con L’Italia dei Valori, e quindi con i Democratici di Romano Prodi e, nella successiva  legislatura, non si era ricandidato. Nel 2001 aveva aderito a La Margherita. E nel 2008 era diventato direttore del quotidiano on line Europa aderendo, nel 2011, ai radicali italiani. Pur passando da un gruppo all’altro, aveva mantenuto una invidiabile coerenza all’interno dei valori fondamentali del nostro testo costituzionale e si distingueva non soltanto per la signorilità del tratto ma per la limpidezza dei suoi discorsi politici e culturali. Tra i fondatori dell’associazione dei giornalisti di Articolo 21 Liberi di, aveva allevato più generazioni di giovani cronisti e collaboratori privi di maestri e desiderosi di inserirsi in un'associazione che coltiva la correttezza e la sobrietà come elementi decisivi di un giornalismo democratico degno di questo nome, insofferente dei populismi che popolano ormai con l’Europa anche il bel Paese.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa